Che il lunedì inducesse a perdere le staffe è cosa nota, ma Iachini e Caceres che cominciano la settimana con una squalifica per bestemmie in Fiorentina-Brescia forse è un po’ esagerato.

Contemporaneamente, a Lecce, Calhanoglu non dà il buon esempio per questo periodo post- Covid: si era detto che ora l’Italia aveva necessità di tornare alla normalità, ma il numero 10 del Milan ha deciso di cominciare a giocare decentemente a calcio. Per favore Hakan, abbiamo bisogno di certezze. Torna a giocare come sappiamo. Grazie.

La sera è il turno di Bologna-Juventus, prima partita in campionato dei bianconeri dopo la batosta contro il Napoli in finale di Coppa Italia.
Apre le marcature Cristiano Ronaldo dagli 11 metri: almeno questa volta non ha chiesto di essere il quinto rigorista.

Martedì invece è stato il compleanno di uno dei centrocampisti più forti della storia del calcio: Giulio Migliaccio. Ah, ha compiuto gli anni anche Zinedine Zidane. Chissà se Materazzi gli ha fatto gli auguri.

View this post on Instagram

Come spegne le candeline Zidane. Auguri Zizou!

A post shared by CALCIATORI BRUTTI (@calciatoribrutti) on

La bella notizia di giornata è che Insigne ha regalato un motorino al ragazzo derubato durante i festeggiamenti di Napoli-Juventus.

Ma la scena se la prende tutta la Reggina che ufficializza il colpo Jeremy Menez, con il quale apriamo il nostro spazio scommesse:
– Rescissione consensuale 1.05
– Cartellini rossi over 3,5 1.30
– Fuga a Ibiza con Reginaldo e Denis 1.70
Giocate non responsabilmente.

La sera è tempo di calcio giocato e in Genoa-Parma fa tutto Cornelius: 3 gol, 1 assist, una spuntatina all’erba di Marassi, sanifica panchine e spalti e aiuta a far fare manovra al pullman del Parma chiedendo poi 5€ a piacere. Poliedrico.

Mercoledì è stato il Natale per gli amanti di questo sport. La nascita del messia del calcio.
Ha compiuto 33 anni (guarda la coincidenza) Lionel Messi.
Un talento straordinario, un sinistro magico e una bacheca stracolma di trofei.
Ma il suo riconoscimento più grande è arrivato negli anni, quando un qualsiasi scappato di casa segnava il gol della vita e veniva etichettato come nuovo Messi.
Io in un mondo in cui Fetfatzidis viene riconosciuto come il Messi Greco non voglio più vivere:

Ci spostiamo da un talento all’altro parlando (purtroppo) di Gagliardini.
È la serataccia della pazza Inter contro il Sassuolo dove il centrocampista nerazzurro, nel bel mezzo della partita, decide di giocare alla Crossbar Challenge e prende la traversa, da pochi metri e a porta libera. Provateci voi, grande Gaglia.

Ma mercoledì è stata anche la nascita di una stella. Nella Liga esordisce il più giovane di tutti e che, probabilmente, voleva diventare anche quello pettinato peggio: Luka Romero. Classe 2004.
 Aprire con cautela causa somiglianza a un Dybala che però fa le risse alle giostre:

Giovedì, causa sconfitta del City, il Liverpool torna a vincere la Premier League dopo 30 anni.
Sua maestà Jurgen Klopp ha dato via ai festeggiamenti con una graziosa danza degna del miglior Roberto Bolle:

Venerdì riparte la Serie A con il Lecce (unica squadra imbattuta fino ad allora allo Stadium) che fa visita alla Juventus capolista.
Altro giro, altra corsa, altro rigore e altro SIUUU. Da quando ha sbagliato il rigore contro il Milan ora CR7 li butta tutti centrali.

Il Lecce esce sconfitto ricordando però i bei tempi di quando pareggiava con gol di Bertolacci su uscita palla al piede di Buffon stile quando ti si spegne il joystick alla Play e non controlli più i calciatori.

Arriva il classico sabato nel quale non succede assolutamente nulla.
Ci dispiace solo per Caicedo che in Lazio-Fiorentina ha avuto un mancamento in area di rigore della Viola, probabilmente dovuto al caldo. Bevi acqua e zucchero e facci sapere come stai, non farci stare in pensiero Felipe.

La domenica di Serie A non l’abbiamo seguita che eravamo a pescare i saraghi.
No, non è vero. Erano orate.
Scherzi a parte si comincia con Milan-Roma, con i giallorossi che nel secondo tempo si abbioccano (la domenica pomeriggio è letale) ed escono sconfitti da San Siro. Fonseca ai microfoni si giustifica: “Stamattina siamo andati in spiaggia. Il mare stanca”.

Vabbè poi abbiamo fretta: l’Atalanta continua a vincere, il Napoli pure e insomma, che altro vuoi dire se la partita più spettacolare è stata Sassuolo-Verona 3-3?

La sera Parma-Inter chiude questa domenica.
Nerazzurri che vanno sotto e la rimontano negli ultimi 5 minuti. Conte ricoverato d’urgenza per ansia ci dicono che sia in ripresa.

Ma il palcoscenico è tutto il suo: lord Tommaso Berni.
Ruolo: 3o portiere;
Ultima partita giocata: c’era la lira;
Stipendio: quanto il tuo moltiplicato per 3 vite;
Cartellini rossi in questa stagione: 2.
Tommasone insegnaci a vivere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inter grande sul mercato e piccola in campo. Ora l’ultimo passo deve farlo Conte

next
Articolo Successivo

Milan, elogio del coriaceo Pioli: la riconferma è improbabile ma con lui la squadra torna vincente

next