La nuova versione del browser Microsoft Edge, basata sul motore open source Google Chromium, utilizzato anche da altri browser come ad esempio il popolare Google Chrome, ha saputo convincere gli utenti grazie alle sue ottime performance di rendering delle pagine web, arrivando addirittura, nel giro di pochi mesi, ad occupare il secondo posto tra i browser più usati. Tuttavia, soprattutto per quanto riguarda la privacy, nelle scorse ore sembra essere emerso qualche problema di troppo. Recentemente, infatti, diversi utenti si sono lamentati in rete del fatto che a quanto pare il browser Microsoft importi i dati personali da Firefox senza alcuna autorizzazione.

Un commento pubblicato su Reddit, infatti, riporta: “Sì, non ho mai autorizzato Edge a copiare i miei dati memorizzati su Firefox e Chrome ed ho effettuato molteplici operazioni nel tentativo di mantenere un certo livello di privacy in questo sistema operativo. Alla fine, si è semplicemente preso i miei dati senza avere la possibilità di impedirlo”.

Stando alle informazioni di una terza persona, sembra che Edge effettui questa operazione durante l’installazione forzata e, a meno di non terminare la sua esecuzione tramite task manager, eseguirà ugualmente la copia dei dati. Molte persone, inoltre, non verranno mai a conoscenza della cosa in quanto non lo riapriranno mai più.

Al momento il colosso di Redmond non ha commentato l’accaduto, per cui è impossibile sapere se il comportamento descritto sia frutto di un semplice bug, che sarà sicuramente risolto con un futuro aggiornamento, o se viceversa si tratti di un comportamento voluto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Acer ConceptD 3 Ezel, tablet convertibile con ottima dotazione ma prezzo elevato

next
Articolo Successivo

Telegram, ecco come attivare le videochiamate su iPhone

next