Da qualche settimana Microsoft ha reso disponibile la nuova versione del suo web browser Edge, ora basata su Chromium, proprio come Google Chrome e altri browser come Brave o Opera. Per il colosso di Redmond si è trattato di un cambio epocale, volto a offrire finalmente un prodotto che possa essere competitivo con quello di Google, che attualmente domina il mercato. Ebbene, stando a quanto rilevato dalla suite di benchmark PCMark la nuova versione del browser offre prestazioni superiori del 10% rispetto alla versione precedente e questo non in astratto, ma all’interno di test che cercano di riprodurre quanto più possibile un utilizzo reale e quotidiano.

PCMark infatti non assegna i punti dopo aver svolto dei test generici, ma sottopone il browser a un utilizzo simile a quello che tutti facciamo nella vita: apertura di più siti in tab diverse, shopping online, navigazione, riproduzione di video in streaming e altro ancora. Un incremento di prestazioni nell’ordine del 10% è quindi un traguardo davvero importante in questo ambito, perché significa che può essere avvertito distintamente dagli utenti.

Microsoft ha deciso di puntare molto sul suo nuovo browser e nel farlo ha anche accettato coraggiosamente di abbandonare il codice proprietario per adottare una versione sviluppata da un competitor, ma riconosciuta unanimemente come migliore. Ovviamente però le novità non sono confinate unicamente all’adozione del motore open source, anche l’interfaccia è stata completamente rivista per essere più leggera e funzionale, introducendo diverse funzioni legate alla privacy e alla sicurezza, come ad esempio il gestore delle password integrato e le tante opzioni disponibili per una configurazione precisa. Il browser inoltre offre ora anche funzioni avanzate per la modalità Lettura immersiva e la sincronizzazione dei dati tra Edge installati su dispositivi differenti e molto altro ancora.

Il browser Edge sarà aggiornato automaticamente attraverso Windows Update, ma il roll out richiederà alcuni mesi per essere completato e quindi potreste non trovare alcun aggiornamento disponibile sul vostro computer. In questo caso potrete eventualmente decidere di procedere all’installazione manuale, scaricando la nuova versione dalla pagina ufficiale di download.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Irlanda: la sinistra nazionalista Sinn Fein trionfa col 24,5%. La leader: “È una rivoluzione”. E punta al governo

next
Articolo Successivo

Coronavirus, annullato il Mobile World Congress, fiera della telefonia hi-tech di Barcellona

next