L’aumento dei contagi è proporzionale a quello dei tamponi. Quindi, la decisione dell’Oms di includere la Svezia tra i Paesi che rischiano una seconda ondata è legata a una “completa interpretazione errata dei dati”. L’epidemiologo di Stato Anders Tegnell, teorico della linea morbida per contenere l’epidemia (foto), attacca l’agenzia dell’Onu che ieri, per voce di Hans Kluge, direttore della sezione europea che comprende 53 Paesi, ha incluso Stoccolma nella lista degli undici più a rischio per un ritorno della pandemia. Nel gruppo ci sono anche Moldavia, Macedonia del Nord, Albania, Bosnia, Ucraina, Kosovo, Armenia, Azerbaijan, Kyrgyzstan e Kazakistan.

Tegnell, parlando all’emittente Swedish TV, ha spiegato che l’aumento delle infezioni c’è stato, ma soltanto perché le autorità sanitarie hanno deciso di effettuare un maggior numero di test. Già a inizio giugno l’epidemiologo aveva confermato un aumento dei casi tra i giovani e nell’ovest del Paese e lui stesso aveva ammesso che per il contenimento dell’epidemia “avremmo potuto fare di meglio”. Guardando ai numeri dell’Oms riportati dalla Bbc, la Svezia ha registrato 155 contagi per ogni 100mila abitanti negli ultimi 14 giorni, un livello molto più alto di qualsiasi altro Paese della regione Europa, ad eccezione dell’Armenia. Negli undici paesi a cui fa riferimento Kluge, “l’accelerata trasmissione ha portato ad una ripresa molto significativa (dei casi, ndr), che se non controllata porterà di nuovo al collasso i sistemi sanitari”.

Con 63,890 casi confermati e oltre 5200 morti, in Svezia la mortalità da Covid-19 è la più alta tra tutti i Paesi nordici. Alla base la strategia politico-sanitaria per contrastare l’epidemia che non ha previsto alcun lockdownche per l’ex epidemiologa di Stato “avrebbe salvato molte vite” – né la totale chiusura delle scuole. Decisioni che hanno fatto insorgere anche medici e infermieri, mentre nelle Rsa gli operatori hanno denunciato la mancanza di dispositivi di protezione individuale, che ha causato la morte di centinaia di ospiti.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’impatto del coronavirus visto dallo spazio, ecco la nuova piattaforma di Nasa, Esa e Jaxa

next
Articolo Successivo

Londra, poliziotti intervengono per uno street party a Notting Hill: attaccati dai partecipanti. Lanciati oggetti e volanti distrutte – Le immagini

next