Honor, brand cinese nato da una costola di Huawei, ha appena ufficializzato Honor 9A, uno smartphone che si inserisce nella fascia bassa del mercato e che punta tutto sull’autonomia. Il prezzo di vendita infatti è di 149,90 euro, ma dal primo al 15 luglio potrà essere acquistato in sconto a 129,90 euro sullo store online del produttore.

Come detto, il punto di forza è la batteria da 5000 mAh che, secondo il produttore, dovrebbe assicurare fino a 35 ore di riproduzione video. Inoltre, come alcuni smartphone di fascia alta, Honor 9A supporta la ricarica inversa: è possibile cioè caricare altri dispositivi compatibili attraverso lo smartphone.

Lo smartphone è disponibile in un’unica configurazione con processore MediaTek Helio P22, affiancato da 4 GB di RAM e 64 GB di memoria interna espandibile tramite schede microSD. La parte frontale è occupata da un display LCD di tipo IPS con diagonale di 6,3 pollici e risoluzione HD+, appena interrotto da un notch a goccia che ospita la fotocamera da 8 Megapixel. La scocca posteriore, invece, ospita un sistema a tripla fotocamera, con sensore principale da 13 Megapixel, grandangolare da 8 Megapixel e sensore da 2 Megapixel per la profondità di campo. Il sensore biometrico è posto sul retro.

La piattaforma software è affidata ad Android 10 in versione AOSP. Proprio come gli smartphone Huawei, infatti, anche Honor 9A è inibito all’uso del Google Play Store e delle app proprietarie Google dal ban degli Stati Uniti, ma può usufruire dello store proprietario Huawei AppGallery, che è già il terzo più grande store al mondo alle spalle proprio di quelli Apple e Google, e sulle proprie app.

Honor 9A sarà disponibile in Italia a partire dal primo luglio nelle colorazioni Midnight Black, Ice Green e Phantom Blue. Come detto in apertura, il prezzo di vendita è di 149,90 euro ma si potrà beneficiare di uno sconto di 20 euro se lo si acquisterà entro il 15 luglio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Google, fact checking sulle immagini: la nuova funzione contro i contenuti visivamente fuorvianti

next
Articolo Successivo

L’antivirus Microsoft Defender sbarca anche su Android

next