C’è la cantante indie Levante, c’è il vincitore del Festival di Sanremo Diodato e c’è anche il frontman del gruppo Lo Stato Sociale Lodo Guenzi. Non sono su un palco e non sono insieme per cantare: anzi, mascherine sul volto e ben distanziati, cantanti e artisti si sono dati appuntamento in piazza Duomo, a Milano, per un flash mob di protesta. Obiettivo? Sensibilizzare il governo e la popolazione sulle condizioni dei lavoratori della musica e dello spettacolo.

Quello degli eventi dal vivo – dai concerti ai festival, dai tour dei cantanti all’opera lirica – è uno dei settori colpiti più duramente dall’emergenza coronavirus: con i teatri chiusi e l’impossibilità di riempire i palazzetti molti musicisti, orchestrali tecnici, scenografi e truccatori sono rimasti a casa, senza lavoro. Ma anche la musica deve essere tutelata come le altre professioni: da qui lo slogan della protesta, “#iolavoroconlamusica“. Dai social, alla piazza: di fronte al Duomo si sono riuniti cantanti del calibro di Manuel Agnelli, Levante, Diodato, Lodo Guenzi, Cosmo, Ghemon e musicisti come Saturnino. Gli artisti hanno deciso di vestirsi di nero, a lutto, e di rimanere in silenzio per alcuni minuti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, lo sceneggiatore del film ‘profetico’ Contagion: “Gli scienziati ci dissero che sarebbe arrivata una pandemia, era questione di quando”

next
Articolo Successivo

Raimondo Todaro, la gaffe in diretta di Elena Santarelli gela il ballerino (e lo studio): “Dai social vedo che…”

next