Dopo una sostanziale tenuta nei mesi di gennaio e febbraio, l’effetto del coronavirus si è abbattuto sul lavoro a marzo, provocando la contrazione delle assunzioni. È quanto emerge dalla Nota congiunta sulle tendenze dell’occupazione pubblicata da Istat, ministero del Lavoro, Inps, Inail e Anpal, relativa al primo trimestre dell’anno. Nei primi tre mesi del 2020 si registra una diminuzione di 239mila attivazioni di rapporto di lavoro dipendente (-44mila a tempo indeterminato e -195mila a termine) rispetto allo stesso periodo del 2019. Le variazioni annualizzate delle posizioni lavorative alle dipendenze scendono da +392mila al primo gennaio 2020 a +189 mila al 31 marzo.

In un approfondimento della nota congiunta trimestrale, si focalizza l’attenzione sulla dinamica giornaliera dei flussi di assunzioni e cessazioni nel primo trimestre 2020, caratterizzato a partire dalla fine di febbraio e per tutto il mese di marzo dall’emergenza sanitaria e dal lockdown. Il trimestre mostra “un progressivo sensibile rallentamento” della dinamica delle posizioni lavorative, emerso a ridosso del primo provvedimento del 23 febbraio con le prime disposizioni di contrasto alla diffusione del Covid (seguite dal Dpcm del 9 marzo e dai successivi), “ulteriormente aggravato” lungo tutto il mese di marzo.

La variazione tendenziale ancora positiva negli ultimi giorni di marzo 2020, che tiene conto dei flussi di attivazioni e cessazioni accaduti in tutto l’arco dell’anno, “è in realtà frutto dell’aumento tendenziale acquisito prima dell’arrivo dell’emergenza sanitaria”, viene sottolineato. Quindi, per analizzare il contributo giornaliero al saldo annuale, positivo o negativo, sono state calcolate le differenze tra i dati giornalieri cumulati dei primi tre mesi del 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019. E dopo “una sostanziale stabilità” delle posizioni lavorative dipendenti nei primi due mesi dell’anno 2020, se ne registra “la progressiva perdita” a inizio marzo “fino a circa 220mila posizioni in meno in confronto alla dinamica dei flussi dei primi tre mesi del 2019″.

A pesare sulla riduzione, viene inoltre sottolineato, è in misura maggiore la contrazione delle nuove attivazioni cui si somma, con il perdurare dell’emergenza sanitaria, la mancata proroga o rinnovo dei contratti a tempo determinato in scadenza nel periodo. Se infatti fino alla seconda decade di febbraio l’andamento delle posizioni lavorative a tempo indeterminato e determinato era analogo, a partire dai primi di marzo la forbice tra le due tipologie contrattuali si amplia progressivamente a sfavore delle seconde. Facendo registrare nel complesso, al 31 marzo 2020 rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente, la diminuzione di 239mila attivazioni di rapporto di lavoro dipendente, di cui -44mila a tempo indeterminato e -195mila a termine.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Contratti a termine, Pd e Italia viva chiedono di prolungare la deroga al decreto Dignità su rinnovi e proroghe. No della Catalfo

next
Articolo Successivo

Embraco, i sindacati: “Vicenda simbolo delle reindustrializzazioni in Italia. Non credibile che il governo e Invitalia non sapessero”

next