Sono circa 260mila le persone che nel primo trimestre dell’anno hanno smesso di cercare lavoro a causa dell’emergenza coronavirus. Il primo caso accertato di Covid in Italia risale al 21 febbraio, ma gli effetti del successivo lockdown sul mercato di lavoro già si riflettono sui dati Istat riguardanti i primi tre mesi dell’anno. Il numero di inattivi tra i 15 e i 64 anni è aumentato di 290mila rispetto allo stesso trimestre 2019 (+2,2%): la maggior parte ha appunto indicato come motivo l’emergenza sanitaria. Anche il numero di persone occupate è diminuito di 101mila unità (-0,4%) rispetto al trimestre precedente. Un altro dato che, sottolinea l’Istat, a partire dall’ultima settimana di febbraio risente “delle forti perturbazioni indotte dall’emergenza sanitaria”. Senza dimenticare che i lavoratori in cassa integrazione rientrano tra gli occupati e che dal 18 marzo con il decreto Cura Italia il governo ha introdotto il divieto di licenziamento.

Da gennaio a marzo sono diminuiti gli inattivi che non cercano lavoro per motivi familiari e coloro che aspettano gli esiti di passate azioni di ricerca di un posto. L’aumento è legato principalmente al Covid e porta il totale degli inattivi a 13 milioni e 540mila. La conseguenza è anche una diminuzione del tasso di disoccupazione che nel primo trimestre scende al 9,4% (-1,7 punti rispetto al primo trimestre 2019): per il dodicesimo trimestre consecutivo, prosegue “a ritmi molto più sostenuti” la riduzione del numero di disoccupati che si attesta a 2 milioni 398mila (-467mila in un anno, -16,3%).

Contestualmente, il tasso di occupazione è pari al 58,8%, in diminuzione di 0,2 punti rispetto agli ultimi tre mesi del 2019. Da gennaio a marzo gli occupati calano dello 0,4% (-101mila unità) rispetto al trimestre precedente. Nel dettaglio, prosegue la tendenza che vede una crescita dei dipendenti a tempo indeterminato (+50mila, +0,3%) che però non basta a compensare la diminuzione di quelli a termine (-123mila, -4,1%) e quella, meno accentuata, degli indipendenti (-28mila, -0,5%). Nell’andamento tendenziale (il confronto anno su anno), rallenta la crescita del numero di occupati, +52 mila rispetto al primo trimestre 2019 (+0,2%).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, presidio dei rider contro lo stop alle bici in treno: ‘Noi essenziali prima, dimenticati oggi”. Al sit-in anche l’attore Giovanni Storti

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Inail: “Da febbraio denunciati 47.022 contagi sul lavoro e 208 decessi. In Lombardia il 35% dei casi e il 45% dei morti”

next