Ikea rinuncia alla cassa integrazione nei suoi ventuno stabilimenti italiani e intende restituire i contributi a fondo perduto ottenuti in nove diversi Stati dove possiede punti vendita. “La crisi è minore di quella prevista. Avevamo calcolato un calo del fatturato dell’80 per cento e invece siamo al 10 per cento”, recita una nota dell’azienda.

Non siamo abituati a queste decisioni, così inusuali e straordinarie da apparire anzi eccentriche. In tempo di pandemia, di un crollo verticale del mercato, un’impresa che non si lamenta, che anzi rifà i conti e dice: siamo messi molto meglio. Possibile? E così la mossa di Ikea fa venire l’acquolina in bocca a chi come me pensa che di fronte ai molti che ancora attendono di essere sostenuti dallo Stato, qualcuno (qualcuno?) abbia arraffato senza giusta causa, abbia pianto senza motivo, sia divenuto improvvisamente povero pur conservando un ricco conto in banca.

Ah, se fosse possibile una lista dei signori effe! I frugali di qua e i furbi di là. Sai che sorpresissime di fine stagione! Ma la pandemia è una guerra. E tra i tanti guai che provoca è che rende ancor più diseguali i cittadini. Nella valle di lacrime non si distingue il buono dal cattivo, l’onesto dal disonesto. Ciascuno chiede il suo diritto avendo in testa il suo rovescio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili