L’8 giugno la premier Jacinda Ardern aveva orgogliosamente dichiarato la Nuova Zelanda Covid-free. Ma a sole tre settimane dall’individuazione dell’ultimo caso, nel Paese sono stati diagnosticati nuovi contagi da coronavirus: due donne, parenti, tornate dal Regno Unito, sono risultate infette. Già pochi giorni fa l’Oms, pur congratulandosi con i risultati raggiungi da Wellington, aveva avvertito di “rimanere vigili“. In generale, aveva detto Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico dell’agenzia Onu per Covid-19, “non c’è solo il rischio di una seconda ondata, ma anche il rischio che i Paesi che hanno ottenuto buoni risultati fino ad ora si mostrino compiacenti”, sottovalutino i rischi, “e che questo porti a un ritorno del virus”. In Nuova Zelanda sono stati registrati oltre 1.500 casi di coronavirus e 22 decessi.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, nuova ondata di contagi a Pechino. “Situazione estremamente grave, lotta contro il tempo”

next
Articolo Successivo

Corea del nord fa esplodere l’ufficio di collegamento intercoreano a Kaesong: il video diffuso da Seul

next