Con un video pubblicato sui social, Rete Studenti Milano e LuMe (Laboratorio universitario Metropolitano) hanno rivendicato l’imbrattamento della statua di Indro Montanelli ai giardini di Porta Venezia a Milano, avvenuto nella notte tra sabato e domenica. I collettivi hanno pubblicato le immagini del gesto, compiuto, come si vede dalle immagini da due ragazzi, uno con la felpa rossa, uno nera. “Chiediamo, ad alta voce e con convinzione, l’abbattimento della statua a suo nome“, scrivono nel post di accompagnamento al video, sottolineando che “un colonialista che ha fatto dello schiavismo una parte importante della sua attività politica non può e non deve essere celebrato in pubblica piazza”. “Siamo convinti che, senza una giusta revisione critica, la storia non possa definirsi tale – si legge ancora nel post – Essa va intesa come materia viva, soggetta a cambiamenti, e non possiamo fingere di non sapere che le statue che ne celebrano i protagonisti hanno una funzione sociale collettiva, perché occupano lo spazio pubblico rappresentando ciò che una classe dirigente decide di celebrare della propria storia”. “Non possiamo accettare – concludono – che vengano venerati come esempi da imitare personaggi che hanno fatto dello schiavismo, del colonialismo, della misoginia, del fascismo e del razzismo una mentalità con ben pochi ripensamenti”. La nota è firmata da LUMe, Laboratorio universitario metropolitano, e da Rete Studenti Milano. Il Comune di Milano, comunque, ha già fatto sapere che non rimuoverà la scultura che domani sarà ripulita dalla vernice.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ponte Morandi, il nodo delle celebrazioni per il nuovo viadotto. I parenti delle vittime: “L’unica festa sarà quando avremo i colpevoli”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il Piemonte chiude l’Unità di crisi. Nell’ultimo report “valori entro la soglia di riferimento”

next