Immuni registra i primi tre soggetti positivi al coronavirus in Liguria, una delle quattro Regioni pilota per il test iniziale dell’applicazione utilizzata per il tracciamento dei contagi. Nell’arco della settimana “sono stati sbloccati i primi codici numerici dall’Asl 3 di Genova su tre persone che sono risultate positive al tampone e che avevano scaricato Immuni”, ha detto il presidente della Liguria Giovanni Toti, ricordando che i dati verranno pubblicati settimanalmente. Il codice fornito servirà per inserire “l’allarme” all’interno dell’applicazione e darà così la possibilità a coloro che l’hanno attivata di essere avvisati se entrati in contatto con i soggetti positivi.

Testata dall’8 giugno in quattro regioni – Abruzzo, Liguria, Marche e Puglia – da lunedì 15 giugno Immuni sarà estesa in tutta Italia. “La potete scaricare con sicurezza, serenità e tranquillità, perché tutela la privacy – ha sottolineato ancora il premier Giuseppe Conte – ha una disciplina molto rigorosa, non invade gli spazi privati”. L’applicazione disponibile sugli store digitali dal primo giugno, ad oggi è stata scaricata da 2,2 milioni di persone spontaneamente, ha aggiunto commissario Domenico Arcuri che ha ribadito che la app, basata sul bluetooth, continuerà a garantire l’anonimato degli iscritti “fino alla fine del suo uso”.

Immuni si basa infatti sullo scambio di codici anonimi generati automaticamente. Quando le strutture sanitarie e le Asl riscontrano un nuovo caso positivo, dietro consenso del soggetto stesso, inseriscono un codice nel sistema. I telefoni poi fanno un ‘match’ dei codici in automatico e viene inviata la notifica agli utenti con i quali il caso positivo è stato a stretto contatto. I dati raccolti sono conservati sui singoli dispositivi e non su un server centrale. Disponibile su iPhone e sui dispositivi Android con sistemi operativi aggiornati, dall’8 giugno Immuni è stata resa scaricabile anche sui smartphone Huawei, con la condizione di base, però, che i cellulari si appoggino ai servizi di Google.

Secondo una indagine Demos, però, solo il 38% degli italiani si è dichiarato disponibile a installarla ma nel frattempo sono nate in Italia, per iniziative di istituzioni locali, altre applicazioni di tracciamento come allertaLOM della Regione Lombardia, scaricata da oltre 1,3 milioni persone.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Santa Maria Capua Vetere, rientrata la rivolta dei detenuti nel reparto Danubio. Otto agenti feriti. Le tensioni e l’indagine sui pestaggi

next
Articolo Successivo

Ospedale di Verona, batterio letale per i neonati. Spostati i reparti di terapia pediatrica. Personale assegnato ad altre attività

next