Solo il 10% degli italiani tornerà ad utilizzare i mezzi pubblici per i propri spostamenti. Questo e molto altro è quanto emerge dalla ricerca mensile di Areté (azienda leader nella consulenza fondata da Massimo Ghenzer) condotta a cavallo tra i mesi di aprile e maggio, dal titolo Come cambiano le tue abitudini, con l’obiettivo di fotografare i cambiamenti in atto nel mondo della mobilità.

1. Auto regina della mobilità post Coronavirus

Circa il 90% degli italiani si dice pronto a muoversi, ma solo su veicoli privati, di mobilità “individuale”. 7 italiani su 10, superata l’emergenza Covid-19, useranno l’auto privata per i propri spostamenti. Al minimo storico la fiducia nei confronti dei mezzi pubblici che solo il 10% degli intervistati prevedono di ricominciare ad usare.

2. Per l’acquisto meglio il finanziamento

Per comprare l’auto nuova, complice la crisi economica, gli italiani preferiranno utilizzare finanziamenti: il 57% sceglierà finanziamento o leasing, l’8% si affiderà al noleggio a lungo termine e solo 1 su 3 è disposto ad acquistare la vettura in contanti.

3. Trattative da casa, anche la sera o la domenica

Anche il processo di acquisto cambierà molto. Il 70% dichiara di voler avviare da casa la trattativa con il venditore della concessionaria attraverso un collegamento audio e video (soprattutto tramite Whatsapp e Skype) che faciliti la comunicazione. Oltre l’80% è disponibile a ricevere una video-chiamata nella seconda metà della giornata (dalla pausa pranzo in poi), il 15% anche dopo le 20.

Questa la fotografia dell’indagine che è stata svolta con 509 interviste di persone in tutte le Regioni, 70% uomini e 30% donne, tra i 30 e i 65 anni di età.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Smart EQ, elettrica senza compromessi

next
Articolo Successivo

L’auto e l’outlook negato: forse ci stiamo cacciando in un altro guaio

next