La porta di Banksy era nascosta in modo non particolarmente custodito, senza le cautela che ci si aspetterebbe di fronte a un oggetto di valore”. Così il procuratore generale dell’Aquila, Michele Renzo, dopo la conferenza stampa in Tribunale alla presenza dei vertici dei carabinieri e del maggiore Cristophe Cengig che ha partecipato alle indagini che hanno portato al recupero dell’opera. Il procuratore Renzo ha sottolineato che al momento non ci sono provvedimenti restrittivi e che le indagini vanno avanti per poter ricostruire l’intera vicenda. Esclusi al momento collegamenti con cellule terroristiche islamiche. L’opera è stata ritrovata nel sottotetto di una casa di campagna nel teramano in uso al proprietario dell’abitazione attualmente affittata a una famiglia cinese che secondo i carabinieri era all’oscuro di tutto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, tornano a salire i nuovi casi: sono 379 in 24 ore. Il 66,4% in Lombardia. Ancora 52 le vittime

next
Articolo Successivo

Santa Maria Capua Vetere, denudati e picchiati da agenti con calci e manganellate. Il racconto dei detenuti: “Lasciati in una pozza di sangue”

next