La porta di Banksy era nascosta in modo non particolarmente custodito, senza le cautela che ci si aspetterebbe di fronte a un oggetto di valore”. Così il procuratore generale dell’Aquila, Michele Renzo, dopo la conferenza stampa in Tribunale alla presenza dei vertici dei carabinieri e del maggiore Cristophe Cengig che ha partecipato alle indagini che hanno portato al recupero dell’opera. Il procuratore Renzo ha sottolineato che al momento non ci sono provvedimenti restrittivi e che le indagini vanno avanti per poter ricostruire l’intera vicenda. Esclusi al momento collegamenti con cellule terroristiche islamiche. L’opera è stata ritrovata nel sottotetto di una casa di campagna nel teramano in uso al proprietario dell’abitazione attualmente affittata a una famiglia cinese che secondo i carabinieri era all’oscuro di tutto.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, tornano a salire i nuovi casi: sono 379 in 24 ore. Il 66,4% in Lombardia. Ancora 52 le vittime

next
Articolo Successivo

Santa Maria Capua Vetere, denudati e picchiati da agenti con calci e manganellate. Il racconto dei detenuti: “Lasciati in una pozza di sangue”

next