Tredici chilometri di coda in autostrada per i numerosi cantieri lungo la A10, tra Genova Prà e Genova Pegli. E la seduta del Consiglio regionale della Liguria salta. “Molti consiglieri non riescono a raggiungere l’aula- ha annunciato il presidente del Consiglio ligure Alessandro Piana – è indecente che non ci siano avvisi”. Ma non è una novità per gli automobilisti della Regione: da settimane, infatti, sono aperti sul territorio circa 60 cantieri che costringono a continui cambi di carreggiata e marcia su una sola corsia per chilometri creando così disagio e costanti file. “Ho convocato oggi d’urgenza i vertici di Autostrade in regione dopo le code generate dalla chiusura prolungata, e non comunicata, di una galleria, che ha generato caos su tutta la rete autostradale ligure”, ha annunciato il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti. “Così non va – ha aggiunto – una cosa è la messa in sicurezza seria, anche se colpevolmente rimandata, altro è imprigionare migliaia di cittadini e immobilizzare tutta la Liguria”.

Poco prima delle 10, appena terminati gli interventi da parte dei tecnici, il tratto di strada della A10 è stato riaperto. Piana ha pubblicato sui social una sua foto in coda a Arenzano: “Che dire, complimenti e grazie al Governo e ai Concessionari“. L’ingorgo si era formato a causa della chiusura di un tratto che provocava l’uscita obbligatoria degli automobilisti a Prà. Una situazione che ormai si ripete con frequenza, denunciano gli automobilisti: camionisti e comitati, in diverse località turistiche, hanno avviato delle raccolte firme per chiedere una soluzione urgente del problema. Autostrade per l’Italia ha assicurato che ha aumentato il numero di tecnici e operai per rendere più veloci i lavori che nei piani dovrebbero concludersi entro la fine di giugno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maltempo in Piemonte, tornado nelle campagne di Novara: nessun danno. Le immagini

next
Articolo Successivo

Coronavirus, focolaio all’ospedale Niguarda di Milano: tampone per 190 operatori, 11 positivi. “Numeri contenuti, situazione sotto controllo”

next