Tredici chilometri di coda in autostrada per i numerosi cantieri lungo la A10, tra Genova Prà e Genova Pegli. E la seduta del Consiglio regionale della Liguria salta. “Molti consiglieri non riescono a raggiungere l’aula- ha annunciato il presidente del Consiglio ligure Alessandro Piana – è indecente che non ci siano avvisi”. Ma non è una novità per gli automobilisti della Regione: da settimane, infatti, sono aperti sul territorio circa 60 cantieri che costringono a continui cambi di carreggiata e marcia su una sola corsia per chilometri creando così disagio e costanti file. “Ho convocato oggi d’urgenza i vertici di Autostrade in regione dopo le code generate dalla chiusura prolungata, e non comunicata, di una galleria, che ha generato caos su tutta la rete autostradale ligure”, ha annunciato il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti. “Così non va – ha aggiunto – una cosa è la messa in sicurezza seria, anche se colpevolmente rimandata, altro è imprigionare migliaia di cittadini e immobilizzare tutta la Liguria”.

Poco prima delle 10, appena terminati gli interventi da parte dei tecnici, il tratto di strada della A10 è stato riaperto. Piana ha pubblicato sui social una sua foto in coda a Arenzano: “Che dire, complimenti e grazie al Governo e ai Concessionari“. L’ingorgo si era formato a causa della chiusura di un tratto che provocava l’uscita obbligatoria degli automobilisti a Prà. Una situazione che ormai si ripete con frequenza, denunciano gli automobilisti: camionisti e comitati, in diverse località turistiche, hanno avviato delle raccolte firme per chiedere una soluzione urgente del problema. Autostrade per l’Italia ha assicurato che ha aumentato il numero di tecnici e operai per rendere più veloci i lavori che nei piani dovrebbero concludersi entro la fine di giugno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maltempo in Piemonte, tornado nelle campagne di Novara: nessun danno. Le immagini

next
Articolo Successivo

Coronavirus, focolaio all’ospedale Niguarda di Milano: tampone per 190 operatori, 11 positivi. “Numeri contenuti, situazione sotto controllo”

next