In attesa di questo primo weekend di libera circolazione tra regioni, i balneari della riviera ligure si confrontano con una riduzione dei posti a disposizione sulla spiaggia, a causa del maggiore distanziamento necessario, ma anche con un inizio della stagione che stenta a partire. Per prevenire affollamenti sulla spiaggia, il Comune di Sestri Levante si è dotato del sito “sestrispiagge.it”, dal quale si può monitorare le postazioni disponibili, che sono gratuite e non è necessario prenotare anticipatamente, basta arrivare in spiaggia per ottenere un numero e il relativo spazio di dieci metri quadrati delimitato da sacchi di liuta. Non ci sono limiti di orario e ogni giorno “chi prima arriva meglio alloggia”, ma per ora le spiagge non sono state ancora prese d’assalto. “In questi giorni le spiagge sarebbero tutte piene – spiega Gillo Garibotto dello stabilimento-bar Citto Beach – dal punto di vista di chi viene a trovarci in questi giorni ovviamente ci sono solo vantaggi, più spazio e sicurezza, ma se continua così saranno centinaia i lavoratori stagionali che non riusciranno a farsi assumere per la stagione”. Se la gestione delle spiagge libere comunali è gestita da steward, per gli stabilimenti balneari l’organizzazione è lasciata ai singoli gestori, che hanno deciso di lasciare invariati i costi di ingresso e gli abbonamenti: “Abbiamo perso tra il 15 e il 30% delle postazioni, ma potremmo anche valutare di non tornare indietro se vedremo che questa scelta dovesse premiare ed essere apprezzata dai clienti – spiega Matteo Repetto, che oltre ai Bagni Celeste gestisce anche l’omonimo albergo – il problema più grande comunque a oggi è l’aspetto alberghiero, perché le prenotazioni sono crollate e non sappiamo ancora quando potremmo tornare a lavorare a un ritmo sostenibile”. Se infatti stanno andando a ruba gli affitti di appartamenti indipendenti in riviera, le stanze degli alberghi restano semi vuote, in attesa di capire se e quanti turisti lombardi e piemontesi, in mancanza di stranieri, sceglieranno di tornare in riviera per trascorrere le loro vacanze.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vacanze 2020 – La Versilia alle prese con le regole anti-Covid: “C’è spazio per tutti, ma con due mesi di lockdown le persone faticheranno a venire”

next
Articolo Successivo

Milano, riapre il Conservatorio “Giuseppe Verdi”: “Gli studenti sono tornati in aula a suonare, dal 15 giugno riprendono i concerti”

next