“La cosa che mi preoccupa di più è che vedo, soprattutto a destra, l’attesa che arrivi la rabbia, un altro modo per mandare via Conte e questo governo”. Così Antonio Padellaro, ospite del programma di approfondimento settimanale ‘Punto Esclamativo’, realizzato da Loft Produzioni e condotto da Luca Sommi, disponibile su sito (www.iloft.it) e app tutti i martedì alle 17, ha risposto al conduttore che gli chiedeva un commento sulle piazze sparse per l’Italia, come quella dei gilet arancioni, “una piazza un po’ strampalata, di caciaroni, con tesi molto campate per aria, tipo ‘il covid non esiste, si cura con lo yoga’, ecc”. “E’ evidente che i gilet arancioni, guidati dal generale Pappalardo, sembrano usciti da ‘Alto gradimento’, la trasmissione radiofonica di Arbore e Boncompagni – ha detto l’editorialista de Il Fatto Quotidiano – La cosa che mi preoccupa di più è che vedo, soprattutto a destra, opinionisti della destra televisiva, giornali di destra che sono in attesa che succeda qualche cosa. C’è un’attesa del ‘ma qua la rabbia sta salendo e succederà qualche cosa’. Ecco, questa attesa della rabbia, magari sul modello americano, succede una cosa qualsiasi e immediatamente l’Italia salta per aria, mi sembra sia da parte di alcuni, un altro modo per mandare via Conte e questo governo. Non ci sono riusciti in Parlamento, vediamo magari se ci riescono attraverso l’insurrezione”, ha concluso il giornalista.

‘Punto Esclamativo’ è un programma originale Loft, disponibile in abbonamento su sito e app di Loft ogni martedì alle 17.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Palamara, Travaglio ad Accordi&Disaccordi (Nove): “Le intercettazioni? Mostrano degrado spaventoso e molto esteso tra alcuni magistrati”

next
Articolo Successivo

Matteo Renzi, Antonio Padellaro a Punto Esclamativo (Loft): “Fa giochi di palazzo al Senato perché sa che non sarà mai più popolare”

next