Alcuni Apple Store in tutto il mondo iniziano a riaprire, dopo lo stop forzato causato dall’emergenza legata al COVID-19 e ovviamente la cosa riguarda anche il nostro Paese, almeno per determinate strutture, che torneranno presto nuovamente accessibili. Per l’occasione dunque Deirdre O’Brien, senior vice president retail e people per Apple, ha espressamente chiarito quali saranno le misure di sicurezza che gli acquirenti e i dipendenti dovranno rispettare.

“Ad oggi, quasi 100 dei nostri negozi in tutto il mondo sono stati in grado di riaprire le porte ai nostri clienti”, scriveva la O’Brien due giorni fa, nel post ufficiale. “Volevamo condividere quello che stiamo facendo per proteggere tutti coloro che visitano uno dei nostri negozi e i modi in cui i nostri i negozi avranno un aspetto leggermente diverso”.

Sostanzialmente gli ingressi saranno gestiti in modo da consentire di mantenere all’interno un ampio spazio per i clienti e tutti, dipendenti e visitatori, dovranno indossare guanti e mascherine, che saranno anche distribuite a chi dovesse esserne sprovvisto. Inoltre, presso il Genius Bar, ovvero l’area in cui è possibile ottenere supporto tecnico, l’accesso sarà possibile solo dopo aver effettuato una prenotazione. Le operazioni che non richiedono un supporto specifico, come potrebbe essere il ritiro dei prodotti acquistati online, saranno effettuate direttamente davanti alla porta dello Store.

Infine, controlli della temperatura saranno effettuati all’ingresso e saranno poste domande sulla salute per quelli con sintomi – come tosse o febbre – o che hanno avuto recentemente contatti con qualcuno infetto da COVID‑19. Durante tutto il giorno poi saranno effettuate pulizie approfondite dei locali, con particolare enfasi su tutte le superfici, i prodotti in esposizione e le aree altamente trafficate.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Xiaomi Mi Note 10 Lite, il nuovo smartphone arriva in Italia già scontato a 349 euro

next
Articolo Successivo

Samsung Galaxy A21s, ufficiale il nuovo smartphone economico

next