In cambio di favori e agevolazione sulle pratiche fiscali venivano pagate tangenti ad alcuni dirigenti dell’Agenzia delle Entrate di Como. Quattordici persone sono state arrestate dalla Guardia di finanza tra Como e Varese nell’ambito di un’operazione anticorruzione, coordinata dalla procura di Como, guidata da Nicola Piacente. Tra gli indagati, ci sono professionisti e dipendenti dell’Agenzia delle entrate, tra cui l’ex dirigente della Agenzia delle entrate di Como Roberto Leoni e l’ex capo team dell’ufficio legale dell’Agenzia delle entrate di Como, Stefano La Verde. Il gip ha disposto il carcere per due degli indagati: una professionista dello studio commercialistico Pennestrì e un funzionario della Agenzia delle entrate di Como. Per gli altri 12 accusati, invece, gli arresti domiciliati. I responsabili sono accusati a vario titolo di corruzione, emissione di fatture per operazioni inesistenti per oltre 280mila euro, abuso d’ufficio e rivelazione di segreti d’ufficio e favoreggiamento.

Secondo la Procura, dal 2012 al 2019, i professionisti ottenevano illecite agevolazione sulle pratiche fiscali per i propri clienti pagando delle tangenti e assegnando le pratiche dei ricorsi a pubblici funzionari corrotti. Nello specifico, l’ex direttore Leoni e La Verde sono accusati di aver versato somme, per un totale di 280mila euro, in favore di due pubblici ufficiali in cambio di provvedimenti favorevoli per i clienti, risparmiando così circa 2.160.000 euro. Tangenti che i due hanno nascosto tramite l’emissione e l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti.

L’operazione fa seguito a quella portata a termine il 24 giugno dell’anno scorso quando i finanzieri del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria arrestarono per corruzione Leoni, La Verde, il titolare di una tintoria e i due titolari (padre e figlio) dello studio commercialista Pennestrì di Como (destinatari ora della misura cautelare in carcere).

L’ulteriore sviluppo delle indagini è scaturito dalle dichiarazioni fatte da Leoni e La Verde, condannati a quattro anni di reclusione il primo e quattro anni e otto mesi di reclusione il secondo, e recuperate dai tabulati telefonici e messaggi (mail, whatsapp). Queste, insieme alla documentazione cartacea e informatica, ai documenti acquisiti presso l’Agenzia delle entrate e a quelli sequestrati a La Verde, hanno permesso di mettere in luce un sistema corruttivo consolidato da almeno 10 anni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parma, maxi frode al fisco da 60 milioni: torna in carcere l’imprenditore Gigliotti. Era già condannato in primo grado per mafia

next
Articolo Successivo

Carlo Maria Capristo, arrestato il procuratore capo di Taranto. Le accuse: tentata induzione, truffa e falso. ‘Pressioni per indirizzare indagini dei pm di Trani’: altre 4 persone ai domiciliari

next