Nove infetti, tutti asintomatici. Sono iniziati i tamponi tra giocatori e staff delle squadre di Serie A in vista di una possibile ripresa del campionato nella Fase 2 dell’emergenza coronavirus e i primi risultati stanno facendo emergere casi di contagio nascosti perché appunto asintomatici. Dopo il primo caso positivo riscontrato mercoledì fra i giocatori del Torino, giovedì anche la Fiorentina ha reso noto che “3 atleti e 3 dello staff tecnico-sanitario” sono risultati “positivi al Covid 19″ in seguito ai controlli di laboratorio. La società viola “ha provveduto come da protocollo a proseguire l’isolamento delle persone coinvolte”. E a stretto giro anche la Sampdoria ha comunicato che “nel corso degli esami ai quali sono stati sottoposti i calciatori, sono emerse tre nuove positività al Coronavirus-Covid-19 e un ritorno di positività. Attualmente asintomatici, gli stessi sono stati posti in quarantena e saranno costantemente monitorati come da protocollo”.

Fiorentina e Samp diventano così le squadre più bersagliate dalla pandemia: nelle scorse settimane erano risultati positivi fra i viola i due attaccanti Vlahovic, Cutrone e il capitano Pezzella. Nelle file doriane avevano contratto il virus Gabbiadini, Depaoli e Bereszynski. Uno dei tre ha avuto una ricaduta. Buone notizie arrivano invece dall’Atalanta, con il portiere Marco Sportiello che è stato dichiarato ufficialmente guarito dal Covid-19. È stato lo stesso club nerazzurro a renderlo noto, attraverso una nota sul sito internet ufficiale. Sportiello è stato “sottoposto a due tamponi consecutivi nell’arco di 48 ore, è risultato negativo al Covid-19. Il calciatore, come da protocollo sanitario per gli atleti professionisti Covid+, effettuerà nei prossimi giorni tutti gli accertamenti e successivamente potrà riprendere l’attività fisica individuale”. Sportiello è il primo e unico caso di contagio al coronavirus nel club bergamasco, era risultato positivo lo scorso 20 marzo. Come l’attaccante della Juventus Paulo Dybala, anche il portiere nerazzurro ha dovuto attendere più del dovuto prima di uscire dall’incubo: la scorsa settimana, infatti, era risultato positivo al terzo tampone dopo la positività al secondo. C’è da dire che le condizioni di Sportiello sono sempre state buone.

Si attende invece l’esito dei tamponi del Napoli, che da sabato metterà a disposizione il centro di Castelvolturno ai suoi giocatori: se calciatori e staff risulteranno negativi, ricominceranno gli allenamenti. Nel frattempo, le altre squadre di Serie A continuano alla spicciolata a ricominciare gli allenamenti in forma individuale e su base volontaria. Giovedì è stata la volta di Roma e Milan tornare ad allenarsi a Trigoria e a Milanello dopo che nei giorni scorsi sono stati effettuati i test a tutti i giocatori e ai membri dei rispettivi staff.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Portiere, l’evoluzione di un ruolo chiave: da estremo difensore a regista difensivo, ecco quanto vale in termini di assist e vittorie

next
Articolo Successivo

Ti ricordi… Taffarel, a Parma e Reggio più per marketing che per talento. Poi incubo involontario della delusione mondiale del 1994

next