Via libera dall’Istituto superiore di sanità alle mascherine fatte in casa. A dirlo in conferenza stampa il presidente, Silvio Brusaferro, rispondendo alla domanda di una giornalista sulle specifiche diversità tra i diversi tipi di dispositivi di protezione. “Al livello di popolazione – ha spiegato – quello che viene raccomandato anche al livello internazionale, credo che ci siano video preparati dal Center for deasase control tagliando magliette, è che devono essere multi-filtro e multistrato, e fondamentalmente uno può anche confezionarle in proprio. L’obiettivo è quello di aderire a bocca e narici facendo in modo che le nostre goccioline vengano contenute all’interno”. Il presidente ha sottolineato anche che le cosiddette mascherine Ffp2 e Ffp3 non servono per la popolazione.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fase 2, Alto Adige accelera riaperture e il governo impugna l’ordinanza. Marcucci (Pd): “Riaprire tutto dal 18 dove il contagio è sotto controllo”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la lettera di Luca Zaia ai guariti per il prelievo del sangue: “Facciamo magazzino”

next