Nel giorno in cui prende forma il nuovo gruppo Gedi targato Agnelli-Elkann, i giornalisti di Repubblica annunciano lo sciopero: domani il giornale non sarà in edicola e il sito non sarà aggiornato per 24 ore. Una decisione presa dopo che il consiglio di amministrazione di Gedi ha nominato Maurizio Molinari direttore del quotidiano di largo Fochetti in sostituzione di Carlo Verdelli, oggetto in questi giorni di minacce di morte sui social da parte di gruppi neo fascisti e per il quale proprio oggi Articolo 21 e Federazione della stampa italiana avevano organizzato un tweet storm di solidarietà. A prendere il timone de La Stampa e dei giornali locali arriverà invece Massimo Giannini, mentre Mattia Feltri diventerà direttore dell’Huffington post.

La nuova Gedi targata Exor – A inizio dicembre scorso il gruppo Gedi era passato dalle mani della famiglia De Benedetti a quelle degli Agnelli-Elkann che tramite la holding Exor hanno acquisito per 102,4 milioni di euro la quota di controllo di Gedi. Oggi è stato perfezionato il passaggio ad Exor del 43,78% del gruppo, ceduto da Cir per 102,4 milioni. Inoltre la cassaforte degli Agnelli ha annunciato un’ulteriore scalata: attraverso la società di nuova costituzione Giano Holding salirà al 60,9% del capitale sociale di Gedi ed al 63,21% dei diritti di voto rilevando un 5,06% dalla Mercurio della famiglia Perrone ed un 6,07% (partecipazioni Caracciolo) da Sia Blu e Giacaranda Caracciolo. Cir e Mercurio resteranno azionisti in Giano Holding con una quota del 5% ciascuno.

L’addio di Verdelli ai lettori – “Sabato sarà il 25 aprile, la festa sacra e laica della Liberazione”, scrive Verdelli nella lettera di addio ai lettori pubblicata sul sito del giornale che ha diretto per meno di un anno visto che solo il 19 febbraio 2019 era stato chiamato a sostituire Mario Calabresi. “Repubblica la onorerà con un impegno particolare, visto il momento che il Paese sta attraversando. Sarà il nuovo direttore, Maurizio Molinari, a cui va il mio in bocca al lupo, a guidare il giornale in un momento che sarà insieme di memoria e di voglia di rinascita. Lo seguirò da lettore, con l’attaccamento appassionato per un giornale che è qualcosa di più di un giornale, per una comunità di lettori che ne è la ragione prima di esistenza, per una redazione con la quale è stata una fortuna condividere questo viaggio”.

Gli altri cambi alle direzioni – Al posto di Verdelli arriverà Molinari, che nel 2015 proprio John Elkann aveva scelto come successore di Calabresi a La Stampa, il quotidiano per cui allora lavorava come corrispondente da Gerusalemme. A Torino il nuovo direttore sarà Giannini, che dal 2018 è già direttore di Radio Capital. Dopo l’addio di Lucia Annunziata già formalizzato a fine gennaio, alla direzione dell’Huffington Post arriverà invece Mattia Feltri. Figlio di Vittorio, attualmente è caporedattore a La Stampa, di cui firma la rubrica in prima pagina ‘Buongiorno’.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Vittorio Feltri insulta i meridionali: “In molti casi sono inferiori”. Odg: “Danno d’immagine per la categoria, mandato a un legale”

next