A meno di due settimane dall’avvio della fase due – il periodo di graduale allentamento delle restrizioni, e quindi di convivenza con il virus – si cominciano a definire i dettagli della ‘nuova normalità’. Ieri il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in Senato ha presentato il piano per riaprire a maggio: “Il ritorno alla normalità è un’esigenza di tutti. Ma l’avventatezza potrebbe compromettere i sacrifici fatti”. E ha sottolineato che le mascherine accompagneranno la nostra vita finché non ci sarà un vaccino disponibile. I primi a riaprire saranno i negozi – rispettando alcune regole di sanificazione – ma non i centri commerciali. Ultimi i luoghi di aggregazione, cinema club e teatri. Per bar e ristoranti bisognerà attendere: in una prima fase sarà possibile la consegna a domicilio (già permessa) e il cibo d’asporto.

Negozi – Una strada potrebbe essere quella delle aperture in orari differenziati e prolungamento degli orari (anche nella fascia serale) su 7 giorni, per evitare affollamenti all’interno e distribuire meglio i clienti. Gli esercizi devono garantire sicurezza di personale e clienti con mascherine, dispenser di gel e guanti, obbligando al rispetto della distanza di un metro. Secondo le anticipazioni del Corriere, i negozi di abbigliamento in particolare dovranno occuparsi della sanificazione dei camerini e di disinfettare i vestiti una volta provati. Per questo serviranno sistemi di sterilizzazione particolari.

Uffici e aziende – Nelle situazioni in cui è possibile, la strada maestra sarà ancora lo smartworking, evitando riunioni e pianificando gli ingressi in mensa e nelle aree comuni. L’Inail sottolinea che “le aziende dove non è già presente il medico competente, in via straordinaria, devono provvedere alla nomina di un medico competente ad hoc per il periodo emergenziale o soluzioni alternative”. Competenza del medico è anche stabilire il “reinserimento lavorativo di soggetti con pregressa infezione da Covid-19”.

Orari – Gli ingressi a scuola e al lavoro saranno scaglionati, in modo da evitare affollamenti negli atri e redistribuire il traffico. Parola d’ordine: abolire, in ogni contesto, gli “orari di punta“.

Passeggiate – Si potrà uscire a camminare (o a correre) senza limiti di distanza. A patto di essere da soli: uniche eccezioni è per accompagnare i minori o per un familiare già convivente.

Trasporti – Uno dei nodi da sciogliere per la ripartenza è quello dei mezzi pubblici, dove si potrà viaggiare solo seduti e con una capienza diminuita, in modo da garantire nei vagoni la distanza di sicurezza. Fondamentale garantire un distanziamento anche alle fermate.

Aerei – Per capire come funzioneranno i voli di linea, il Corriere cita una lettera di Alitalia in cui invita i clienti ad “effettuare il check-in online” oppure ad utilizzare “i chioschi del fast check-in in aeroporto” anziché fare la code. In aeroporto obbligatorio mantenere un metro di distanza durante tutte le operazioni, “consigliato” indossare una mascherina. La Compagnia chiarisce che “in caso di utilizzo della navetta, è stato previsto un limite massimo di passeggeri”. Anche per volare serve l’autocertificazione, dove bisognerà indicare la destinazione e il tempo di permanenza. A bordo, invece, la mascherina è obbligatoria e i posti a sedere saranno alternati (tranne se si vola con un familiare o con un minore) cioé intervallando una seduta vuota tra i passeggeri.

Viaggi e spostamenti – Tra i punti allo studio, scrive ancora il Corriere, c’è la possibilità di spostarsi da Comune a Comune: bisogna capire modalità ed eventuali limitazioni, come per chi ha più di 70 anni e patologie pregresse. Anche i ragazzi non potranno incontrarsi in gruppi di più di due, tre al massimo. Prima di uscire dai propri confini regionali invece bisogna attendere di capire l’andamento del contagio e soprattutto dalle ordinanze che saranno emesse dai governatori. Si pensa anche all’estate: nelle località turistiche bisognerà capire la tenuta della rete di ospedali e la disponibilità di personale medico.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Preti sposati, perché il Papa ha taciuto? Un libro riflette sul silenzio dopo il sinodo dell’Amazzonia

next
Articolo Successivo

Coronavirus – Verso ok a spostamenti dal 4 maggio, non tra regioni. Dall’11 riapertura dei negozi al dettaglio, a seguire bar e ristoranti

next