Facebook annulla tutti gli eventi previsti fino a giugno 2021 che prevedono la presenza in uno stesso luogo di più di 50 persone. “I dipendenti lavoreranno da casa almeno fino a maggio”, ha scritto Mark Zuckerberg in un post sul suo profilo personale in cui ha spiegato le prossime mosse dell’azienda di fronte all’emergenza coronavirus. Ha aggiunto anche che il social sta “rallentando” i piani di ritorno dei dipendenti negli uffici, “per aiutare il resto della nostra comunità e l’economia locale”.

Tra gli eventi sospesi, ha reso noto Facebook, ci sono anche gli appuntamenti locali che erano stati programmati in sostituzione della F8, la conferenza degli sviluppatori della compagnia, già annullata nelle scorse settimane. Altri eventi in calendario, invece, si svolgeranno online. Prima del colosso social, già Microsoft aveva comunicato di aver reso online tutti i suoi eventi fino a luglio 2021.

Lo smart working per i dipendenti di Facebook verrà utilizzato “almeno fino alla fine di maggio”, ha assicurato Zuckerberg. Chi avrà necessità di farlo, ad esempio per accudire i figli, potrà lavorare da casa per tutta l’estate. I primi a rientrare in ufficio, invece, potrebbero essere alcuni ingegneri e dipendenti che si occupano di esaminare i contenuti pubblicati sul social per contrastare il terrorismo e prevenire suicidi o autolesionismo, per i quali il lavoro da casa è più complicato.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Successivo

Coronavirus, il ministro della Salute tedesco: “Tasso d’infezione allo 0,7%, contagi gestibili”. Ma sulla riapertura Merkel impone “cautela”

next