Sta andando a ruba nelle librerie italiane appena riaperte durante la quarantena del Coronavirus. Spillover di David Quammen (Adelphi, 2014) è un po’ l’oggetto del desiderio di migliaia di lettori avidi di informazioni preveggenti sulla diffusione possibile di una pandemia. “Sì, il Covid-19 è la pandemia che avevo ventilato nel mio libro Spillover. Ma attenzione, non è l’ultima. Altre ce ne saranno e dobbiamo essere preparati meglio di come siamo stati stavolta”, ha detto a Repubblica in un’intervista.

Lo strano effetto di curiosità scientifica condizionata, modello Piero Angela o Umberto Eco, è addirittura datato 2012 ed è anche un volumone specifico di oltre 600 pagine. Quammen che di mestiere non è virologo o epidemiologo, ma semplicemente un divulgatore di storie di viaggi ed esplorazioni del pianeta, ha seguito quegli scienziati che vanno a caccia di virus zoonotici rintracciando in mezzo mondo le origini animali dell’ebola, della Sars o di altri virus dormienti.

In Spillover sono contenuti alcuni elementi di discussione che in questi giorni sui social stanno spopolando: intanto la previsione di un virus di lì a pochi anni altamente contagioso e letale; l’invasione demografica dell’uomo in alcune aree del pianeta dove gli animali selvatici vivevano indisturbati; l’esportazione dell’utilizzo del consumo di massa della carne animale, e relative proteine, in aree dove questa non era presente; infine la proliferazione della moda dei viaggi esotici che non ha fatto altro che aumentare la rapidità di spostamento fisico delle persone in luoghi sconosciuti e nascosti. Insomma le 600 pagine sono ricche e attuali. Sempre che in libreria ne riusciate a trovare qualche copia.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Paolo Bonolis diventa nonno: la figlia Martina Anne è incinta

next
Articolo Successivo

Silvio Berlusconi posta un tweet e poi lo cancella per riproporlo quasi uguale. Ecco cosa non andava nel primo

next