Continuano le ricerche dell’imbarcazione con 55 migranti a bordo di cui si sono perse le tracce due giorni fa, ma le condizioni meteo, spiegano da Alarm Phone, “sono pessime”. E nel frattempo sia la Aita Mari, che ieri aveva soccorso altre 43 persone e alla quale Malta sta negando lo sbarco, che la Alan Kurdi, che da otto giorni ha a bordo 149 persone, stanno aspettando un porto dove sbarcare i naufraghi. In un’intervista ad Avvenrie, la ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, una dei quattro firmatari del decreto che dichiara l’Italia porto non sicuro, sostiene che “non ci sottraiamo nell’aiutare e nell’assistere le persone in fuga da fame e guerra e coloro che corrono pericoli in mare. Per i migranti e il personale della Alan Kurdi ci siamo attivati con una procedura d’emergenza“.

La ministra esorta poi le ong a collaborare col governo: “Le navi con bandiera straniera rispettino le indicazioni dei loro Paesi”, ha detto spiegando che sulla Alan Kurdi “c’è l’impegno della Germania”. Per sostenere che il decreto firmato con altri tre membri del governo non è un provvedimento discriminatorio nei confronti di migranti e organizzazioni non governative, De Micheli ricorda che “è successivo a un altro decreto del 19 marzo con il quale ho chiuso i porti a navi passeggeri battenti bandiera straniera, per l’incolumità di chi è a bordo e per l’incolumità degli italiani. L’ultimo provvedimento è in coerenza con questa disposizione generale. È una chiusura che vale per tutti, non solo per le imbarcazioni delle ong. Nelle Regioni di approdo, in particolare quelle del Sud, e in generale nel Paese, non abbiamo le condizioni organizzative per gestire emergenze sanitarie negli ospedali nel caso dovessero arrivare molte persone”.

Mentre da Alarm Phone fanno sapere che non si hanno notizie dei 55 migranti a bordo del barcone di cui si sono perse le tracce due giorni fa, con le condizioni meteo “terribili e la nostra speranza che sono ancora vivi sta diminuendo”, la ministra a Omnibus su La7 si dice “molto preoccupata per alcune discussioni di queste ore, perché sia Frontex che la Guardia Costiera hanno ribadito che non ci sono stati naufragi in queste ore. Abbiamo il Mediterraneo sotto controllo, non abbiamo nessuna intenzione di abdicare al nostro ruolo”, ha ripetuto sottolineando la bontà del “modello organizzativo che stiamo cercando di avere per rendere questo sistema più efficiente in un momento in cui l’Italia è in una situazione di emergenza”.

Dalla Alan Kurdi, però, continuano ad arrivare le richieste di aiuto per i 149 migranti ancora a bordo e per i quali il Governo italiano già due giorni fa aveva annunciato il divieto di sbarco, aggiungendo però che le persone sarebbero state trasferite su una nave dove trascorrere il periodo della quarantena, presumibilmente al largo del porto di Trapani. Ancora, però, il trasbordo non è avvenuto. “Quello che sta avvenendo in questi giorni nel Mediterraneo è vergognoso e indegno – dicono dalla ong Sea Eye – La protezione della gente che si sposta vale sempre, specialmente in tempi di crisi”.

De Micheli risponde ripetendo che “la vicenda della Alan Kurdi è una vicenda che ci porterà nelle prossime ore a prendere una nave passeggeri sulla quale far passare la quarantena sia all’equipaggio che agli ospiti”.

Anche la Commissione europea, per voce di uno dei suoi portavoce, ha voluto assicurare di essere “in stretto contatto con gli Stati membri che incoraggiamo a lavorare insieme e a mostrare solidarietà, per trovare una soluzione. Come sempre, siamo pronti ad avere un ruolo di coordinamento sui ricollocamenti. Ma, secondo la legge internazionale, individuare un porto di sbarco è responsabilità dei Paesi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Lopalco: “Potremo andare in spiaggia, ma evitando gli assembramenti. Campionato di Serie A? Difficile che riparta”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, record di sanzioni a Pasquetta: oltre 16mila. Viceministro Mauri: “Rispettare le regole necessario per uscire dall’emergenza”

next