Nello spazio si può. Baci e abbracci, così sono accolti i tre astronauti, partiti oggi dal cosmodromo di Baikonur, in Kazakistan, una volta raggiunti i colleghi a bordo della Stazione spaziale internazionale (Iss). Nel pieno della pandemia di coronavirus, l’americano Chris Cassidy e i cosmonauti russi Anatoly Ivanishin e Ivan Vagner infatti hanno dovuto seguire a una rigida quarantena per poter intraprendere la missione spaziale e tutelare gli astronauti già bordo dell’Iss, Oleg Skripochka, Andrew Morgan e Jessica Meir. Per loro, quindi nessun saluto di amici e parenti a causa delle norme di distanziamento sociale.

Secondo l’agenzia Tass, i tre sono decollati alle 11.05 ora di Mosca (le 10.05 in Italia) a bordo di una navicella Soyuz MS-16. Sei ore dopo sono arrivati sulla stazione spaziale, e solo dopo due ore dall’attracco è avvenuta l’apertura del portello, per via delle operazioni di controllo. Con l’aggiunta dei tre nuovi astronauti il numero dell’equipaggio aumenta a sei membri, ma non per molto. Mercoledì infatti Cassidy diventerà il comandante: riceverà il testimone da Skripochka, che si prepara a tornare sulla Terra venerdì 17 aprile con Morgan e Meir.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Oxford “testa” la clorochina su 40mila tra medici e infermieri in tre continenti per valutare effetto profilattico

next
Articolo Successivo

Coronavirus, catastrofe o crisi temporanea? A leggere i dati si propende per la seconda

next