Un getto di plasma emesso dal buco nero al centro di una galassia. È stato fotografato per la prima volta uno dei fenomeni cosmici più potenti e l’immagine è stata pubblicata su Astronomy and Astrophysics, realizzata da Event Horizon Telescope (Eht), il primo anche ad avere colto l’immagine di un buco nero un anno fa.

L’obiettivo dello studio è una galassia della costellazione della Vergine che gli scienziati classificano come quasar (cioè sorgente “quasi stellare”). Al suo interno infatti brilla un punto di luce ultra-luminoso e variabile quando enormi quantità di gas e stelle cadono all’interno del gigantesco buco nero che si trova al centro. Il buco nero, la cui massa è circa un miliardo di volte quella del Sole, “ingoia” le stelle e il gas che si avvicinano, per poi espellerle in due sottili getti di plasma a velocità vicine alla velocità della luce.

“Ogni volta che apriamo una nuova finestra sull’universo, questo ci regala nuove emozioni”, commenta Mariafelicia De Laurentis, ricercatrice all’INFN e professore all’Università Federico II di Napoli, membro della Collaborazione EHT. “Il risultato ottenuto ci permette ora di avere una maggiore comprensione della natura e dei processi fisici alla base di queste enormi sorgenti di energia – ha aggiunto De Laurentiis – siamo riusciti ad aggiungere un altro tassello al grande puzzle della storia dell’universo“.

Tra gli italiani a collaborare, anche Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) e Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid-19 e idrossiclorochina: sensazionalismo a parte, ci sono poche evidenze concrete

next
Articolo Successivo

Coronavirus, al via i test sull’uomo per il vaccino finanziato da Bill Gates. Chiamato Ino-4800, è sperimentato su 40 volontari

next