Davanti a Kissinger, sotto gli occhi dell’Avvocato, le velleità di scudetto della Juve che cadono, il Toro che vince il derby. E se sono poche le vittorie granata, cinque negli ultimi trent’anni, solo cinque su trentasette partite giocate sotto la Mole, quella del 5 aprile 1992, ventotto anni fa, è sicuramente una delle più belle.

Era il Toro giovane e rampante di Mondonico, quello che di lì a poco avrebbe eliminato il Real Madrid in semifinale di Coppa Uefa e perso immeritatamente una finale contro l’Ajax. E in Europa c’era arrivata da neopromossa in A: l’anno prima sempre con Mondonico alla guida i granata avevano disputato una bellissima stagione, grazie ai gol di Bresciani, alle belle giocate dello spagnolo Martin Vasquez arrivato dal Real Madrid, e soprattutto alla difesa rocciosa che non si faceva troppi scrupoli a usare le maniere forti composta da Policano, Annoni, Bruno e Cravero. Tra Tarzan, O’Animalo e Rambo già i soprannomi suggerivano di andarci cauti, e nel dubbio gli avversari preferivano girare a largo.

Partecipazione all’Uefa acquisita, per rinforzare la squadra arrivano l’attaccante brasiliano Walter Casagrande, eroe dell’Ascoli di Rozzi, una vecchia conoscenza interista, Enzino Scifo dall’Auxerre e torna Venturin dal Napoli.

È un bel Toro, in Europa va fortissimo, e anche in campionato la squadra del Mondo fa bene: la difesa subisce pochi gol per i motivi di cui sopra e perché in porta c’è uno dei migliori portieri emergenti, Luca Marchegiani. Non c’è un bomber vero però: Casagrande gioca molto per i compagni e non è un goleador, in compenso segnano tutti: Policano e Mussi che sono terzini, Scifo e gli altri centrocampisti, Gigi Lentini tra una finta e l’altra. I granata ambiscono al podio stavolta e la chiave per scalzare il Napoli dal terzo posto è battere la Juve del Trap nel derby.

I bianconeri dal canto loro ambiscono ancora allo scudetto, ma solo per una questione aritmetica e di speranza: il Milan di Capello è tutt’altra cosa. Ad aprile dunque la sfida al Delle Alpi è cruciale per entrambe. Sugli spalti c’è il miglior amico di Gianni Agnelli, l’ex segretario di Stato americano e Nobel per la pace Henry Kissinger, grande appassionato di calcio. In campo il tridente con Baggio, l’eroe delle notti magiche Schillaci e Gigi Casiraghi.

Derby che fu anche accompagnato dai veleni della vigilia: il presidente granata Borsano aveva accusato i rivali di volergli soffiare Lentini, smentito dal calciatore, ignorato dai dirigenti bianconeri. Alla fine, com’è noto, alla Juve Lentini non ci andrà. E si temeva anche una vendetta di Bruno su Casiraghi, che all’andata aveva causato l’espulsione del granata e il conseguente accesso d’ira che gli era costato ben 8 giornate di squalifica.

Ma Casiraghi e gli attaccanti bianconeri dalle parti di Bruno ci passeranno poco. Il Toro ha una marcia in più: è più veloce, più grintoso, messo meglio in campo. La Juve del Trap si affida alla difesa e alle giocate di Baggio che però non arrivano. E allora ci pensa Martin Vasquez a deliziare la platea, o almeno quella granata. Dopo aver costretto Tacconi agli straordinari alcuni istanti prima, lo spagnolo sulla destra fa secco Carrera, va sul fondo e con uno cucchiaio delizioso scavalca il portiere bianconero: Casagrande deve alzare di poco il suo metro e novanta per segnare di testa a porta vuota.

Poco dopo stesso copione: Martin Vasquez scatenato salta Marocchi, la mette bassa e Casagrande stavolta deve metterci il piedone per segnare il due a zero. La reazione bianconera non arriva e la sconfitta è un sipario che cala sulle ambizioni di scudetto. Il Toro invece galvanizzato da quella vittoria nel derby, una settimana dopo riesce a ribaltare il Real Madrid dopo la sconfitta del Bernabeu, qualificandosi per la finale di Coppa Uefa, e centra l’obiettivo anche in campionato, con altre quattro vittorie e tre pareggi, riuscendo a classificarsi terzo alle spalle di Milan e Juve.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, come far ripartire il calcio? Tardelli: “Serve soluzione su scala europea. Contrario ai play off, meglio non finire la A”

next
Articolo Successivo

Ezio Vendrame, morto il numero 10 che portò la poesia in campo. Amico di Piero Ciampi, apprezzato scrittore, un solo avversario: la banalità

next