Il presidente della Fimi (Federazione Industria Musicale Italiana), Enzo Mazza, in un video pubblicato su suo profilo LinkedIn pone delle domande precise a Urbano Cairo. Il presidente di RCS, Cairo Communication e del Torino è stato al centro di dure polemiche, nei giorni scorsi, per un video motivazionale – realizzato in un momento difficile come quello che l’Italia sta attraversando per il coronavirus – realizzato per le forze vendita della sua concessionaria di pubblicità, poi finito in rete. Nella clip, Cairo aveva invitato i venditori a stare “in pista e al telefono coi clienti e poco in riunione, si fanno in piedi di dieci minuti o un quarto d’ora”. Sempre nelle immagini Cairo ha elencato anche i dati di successo sia per gli ascolti de La7, che per i settimanali e Il Corriere della sera, sia in formato digitale che cartaceo. “Ho chiamato quasi 40 clienti e quasi tutto mi dicono sì alle proposte che facciamo, dovunque telefono, ottengo”, aveva dichiarato.

Enzo Mazza è intervenuto, sulla scia del dibattito creatosi sulle parole di Urbano Cairo: “Nei giorni scorsi ho visto un video del dottor Cairo, in cui parlava di come fare fatturato in questi giorni. Ho visto una sua intervista al Corriere in cui parlava di responsabilità e di tutela dei lavoratori. Volevo chiedergli come mai non ci sta pagando fatture per oltre 265 mila euro, fatture scadute oltre sei mesi fa per la musica che utilizza per La7, per accompagnare i programmi per i quali probabilmente lui ha già incassato anche la pubblicità”.

Nella clip vengono mostrate due fatture ciascuna di 103mila euro, una scaduta il 31 ottobre e l’altra a dicembre. Mazza termina l’appello con una domanda: “Ci sono lavoratori di seria A e di serie B? Ci sono artisti che dovrebbero sostenere i programmi de La7 o produttori musicali che dovrebbero sostenere l’impero del dottor Cairo? È una domanda che mi faccio e alla quale non ho risposta”. Cairo, sino ad oggi, ha risposto attraverso Instagram a chiunque gli abbia mosso le critiche in questi giorni, accadrà anche lo stesso per quanto riguarda la Fimi?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ben Affleck ha una nuova fiamma: è la “bond girl” Ana de Armas

next
Articolo Successivo

Donatella Rettore: “Non morirò, almeno non subito”. E Mara Venier commenta: “Te voio bene”

next