“Recentemente la European Rhinologic Society ha inviato a noi otorinolaringoiatri l’alert dell’anosmia (perdita dell’olfatto, ndr) come sintomo da valutare come possibile segno di positività al coronavirus e quindi di trattare i pazienti con questa sintomatologia come potenzialmente positivi”. Così Carlotta Pipolo, professoressa all’Università di Milano e specialista Otorino all’ospedale San Paolo di Milano, spiega il legame tra perdita dell’olfatto e positività al Covi-19. “È importante far sapere alla popolazione” aggiunge “che chi presenta questi sintomi deve prestare molta attenzione e isolarsi in via precauzionale”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, torna a casa la prima paziente trattata con Tocilizumab. Gli scienziati: “Cauto ottimismo. Ottimi segnali da altri malati”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Harvard: “Distanziamento sociale fino al 2022 a rubinetto”. Nature: “Non si sa quanto dovranno durare misure”

next