Misurazione della febbre e ingressi contingentati ai supermercati Esselunga di Milano. Nel punto vendita di viale Famagosta, si entra a gruppi di cinque, rispettando ovviamente le distanze di sicurezza. Un dipendente con un termometro effettua la misurazione della temperatura corporea ai clienti, dopo che questi hanno atteso nella lunga fila all’esterno. L’operazione dura pochi secondi; il termometro viene accostato alla fronte e in pochi istanti rileva la temperatura corporea: se inferiore a 37,5 gradi le persone posso entrare, altrimenti, in base all’ordinanza regionale dello scorso 21 marzo, è obbligatorio vietare l’ingresso

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Tridico (Inps): “Per 5 milioni di autonomi bonus di 600 euro, basta pin online.Pensioni? Abbiamo liquidità fino a maggio”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Angelo Borrelli ha la febbre. La Protezione Civile conferma conferenza stampa delle 18. Bertolaso ricoverato al San Raffaele

next