I Siciliani ricordano con affetto e orgoglio Lillo Venezia, uno dei primi redattori dei Siciliani di Giuseppe Fava. Subito dopo l’assassinio di Pippo Fava fu uno dei primissimi a dire che bisognava continuare. Oltre che nella redazione, in quegli anni durissimi fu impegnato anche nell’amministrazione del giornale, pagando personalmente coi suoi poveri beni i mancati impegni di illustri “sostenitori”. Da allora è sempre stato in tutte le iniziative sociali che si andavano sviluppando in Sicilia e altrove. Negli ultimi anni, gravemente malato, era sempre presente almeno nei social, con lucidità e determinazione.

Lillo Venezia è stato una delle figure più significative dei movimenti sociali e del giornalismo libero dal Sessantotto in poi. Con Mauro Rostagno e Peppino Impastato aveva fatto parte del gruppo di Lotta Continua, impegnato in Sicilia non solo nelle lotte operaie e studentesche ma anche in quelle contro i poteri mafiosi. Da giornalista aveva subito oltre cento denunce – fino al carcere – per i suoi articoli contro i potenti di allora; come direttore del Male aveva dato un impulso decisivo al giornalismo satirico e d’impegno sociale, pagandone puntualmente tutti i prezzi.

E’ morto povero, con una pensione sociale di quattrocento euro che negli ultimi tempi gli era stata anche tolta dalla burocrazia. Questa sua povertà testimonia più di ogni altra cosa lo spirito con cui il nostro Lillo ha lavorato e lottato per tutti questi cinquant’anni, senza mai chiedere carriere o onori, orgoglioso della sua semplice condizione di compagno e di cittadino.

In questi tempi di riflussi e di ritirate, Lillo Venezia ha mostrato a noi tutti, avversari e amici, il senso della parola “compagno”, profonda e antica, modesta e responsabile, per il bene di tutti. E con questa semplice parola noi lo onoriamo.

Foto tratta da Facebook

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, Arcuri: “Mascherine? Italia non produce munizioni che servono per combattere questa guerra, ma le stiamo reperendo”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, in Italia oltre 69mila casi totali e 6820 vittime: torna a salire numero dei morti, 743 in un giorno e 402 solo in Lombardia

next