Da una parte le pressioni sul governo perché chiuda tutte le attività non essenziali, dall’altra i governatori di Lombardia e Piemonte che si muovono autonomamente e chiudono tutto quello che è di competenza delle Regioni, dagli uffici pubblici ai cantieri. Nel giorno in cui l’Italia tocca il nuovo record di 793 morti in sole 24 ore, l’esecutivo si trova a dover decidere in fretta se e come procedere con nuove restrizioni per far fronte all’emergenza coronavirus. La richiesta ormai arriva da più parti, tanto che subito dopo la comunicazione dei drammatici dati quotidiani, Lombardia e Piemonte hanno approvato due ordinanze che vanno in quella direzione. In contemporanea, l’agenzia delle dogane invece ha deciso lo stop a livello nazionale di Lotto, Superenalotto e Slot.

Il premier Giuseppe Conte si è riunito nel tardo pomeriggio in videoconferenza insieme a sindacati e rappresentanti del mondo imprenditoriale: un fronte unito nel chiedere che le attività produttive non essenziali siano interrotte. Ma non solo. Ci sono anche i medici del Piemonte (“Siamo allo stremo”), quelli della provincia di Brescia e 243 sindaci della Bergamasca che hanno firmato una lettera aperta per Fontana e Conte: “Fermare tutto, ma per davvero“, si legge.

La giornata si è aperta con le foto delle lunghe code ai supermercati, nonostante ieri Palazzo Chigi abbia assicurato che non verranno chiusi nei giorni festivi. E con le foto che arrivano da Bergamo di altri camion dell’esercito arrivati in città per trasferire altri feretri nelle Regioni vicine, perché il cimitero è pieno e il forno crematorio non riesce a smaltire tutte le salme. A preoccupare in queste ore è anche la mancanza di sanitari e di presidi come mascherine e apparecchiature per la respirazione. La Farnesina ha fatto sapere che sono in arrivo 3 milioni di mascherine da Egitto, India, Cina e Russia. La Cina invierà anche 100 ventilatori polmonari. Intanto, hanno annunciato il ministro Francesco Boccia e il premier, i medici hanno risposto in massa all’appello della Protezione civile per istituire una task force di professionisti per fronteggiare l’emergenza: oltre 7mila le domande arrivate.

Stretta in Lombardia e Piemonte – Il governatore della Lombardia, alla luce di una situazione che ha definito “tragica”, ha deciso la “sospensione dell’attività degli uffici pubblici, degli studi professionali, il fermo delle attività nei cantieri e il divieto di praticare sport e attività motorie svolte all’aperto, anche singolarmente”. Ha previsto inoltre la chiusura dei distributori automatici cosiddetti ‘h24’ che distribuiscono bevande e alimenti confezionati. Chi non rispetterà il “il divieto di assembramento nei luoghi pubblici – fatto salvo il distanziamento (droplet)” rischia un’ammenda fino a 5mila euro. L’atto “entra in vigore il 22 marzo e produce effetto fino al 15 aprile. In una nota della Regione si specifica anche che i rappresentanti delle associazioni di impresa hanno garantito che fin dalle prossime ore chiederanno ai propri associati di sospendere comunque tutte quelle produzioni che non fanno parte delle filiere essenziali.

Una ulteriore stretta è stata decisa anche dalla Regione Piemonte. L’ordinanza, operativa dal 22 marzo fino al 3 aprile, interviene più o meno negli stessi ambiti del collega Fontana chiudendo uffici pubblici e cantieri. Non si parla del divieto di attività sportiva. L’ordinanza vieta l’assembramento di più di due persone nei luoghi pubblici. I mercati saranno possibili solo dove sarà garantito il contingentamento degli accessi, l’accesso agli esercizi commerciali sarà limitato ad un solo componente per famiglia. Stop anche gli spostamenti verso le seconde case. Vietata, inoltre, la sosta e l’assembramento davanti ai distributori automatici ‘h24’ che distribuiscono bevande e alimenti confezionati. Che però non vengono chiusi. Bloccate anche le slot machine e disattivati monitor e televisori da parte degli esercenti. Restano aperte le edicole, le farmacie, le parafarmacie e i tabaccai, dove dovrà essere in ogni caso garantita la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.

Entrambe le ordinanze, quella del Piemonte e quella della Lombardia, prevedono che dove possibile sia effettuata la rilevazione sistematica della temperatura corporea. Come i supermercati, le farmacie e i luoghi di lavoro.

CRONACA ORA PER ORA

22.45 – Previsto intervento di Conte in diretta Facebook alle 22 e 45 circa
Il premier Giuseppe Conte parlerà, in diretta Fb, alle 22:45 circa. E’ quanto rendono noto fonti di Palazzo Chigi.

22 – Conte riunito con i capi delegazione

20.40 – Stop a Enalotto, Superenalotto e Slot
L’Agenzia per le Dogane e i Monopoli ha sospeso il Lotto e il Superenalotto. La decisione, riportata su una circolare, riguarda tutte le lotterie e le slot machines.

20.36 – Positivo agente della scorta di Conte. Premier negativo
“In merito alla notizia della positività al Covid 19 di un uomo della scorta del Presidente del Consiglio, si precisa che nelle ultime settimane non c’è stato alcun contatto diretto con lo stesso Presidente, non avendo mai viaggiato neppure sulla stessa auto. Anche i contatti con gli altri uomini della scorta non destano preoccupazione, in quanto sono sempre state rispettate le distanze sociali di sicurezza e tutte le precauzioni. Il Presidente Conte nei giorni scorsi, ha effettuato un tampone che ha dato esito negativo”. Lo rendono noto fonti di Palazzo Chigi.

20.10 – Ordinanza Fontana: “Stop a cantieri, uffici e attività motorie all’aperto anche singolarmente”
Sospensione dell’attività degli uffici pubblici, delle attività degli studi professionali, il fermo delle attività nei cantieri e divieto di praticare sport e attività motorie svolte all’aperto, anche singolarmente. E’ quanto stabilisce un’ordinanza del governatore della Lombardia Attilio Fontana.

19.45 – Amazon limita gli ordini
Amazon decide di concentrare la sua capacità “sui prodotti che hanno la massima priorità e, a partire da oggi, smetteremo temporaneamente di accettare ordini su alcuni prodotti non di prima necessità sia su Amazon.it che su Amazon.fr.”. Lo annuncia la stessa Amazon in una nota aggiungendo che “tutti gli ordini già confermati saranno regolarmente consegnati”.

19.30 – Dybala positivo al coronavirus
Paulo Dybala “è stato sottoposto ad esami medici che hanno rivelato la sua positività al Coronavirus-Covid-19”. Ne dà notizia la Juventus sul suo sito ufficiale. Il calciatore “da mercoledì 11 marzo, in isolamento volontario domiciliare, continuerà ad essere monitorato e a seguire lo stesso regime. Sta bene ed è asintomatico”.

19 – Molise, zona rossa per Venafro e Pozzilli
Il presidente della Regione Molise, Donato Toma, ha firmato il decreto che istituisce la zona rossa per i Comuni di Venafro e Pozzilli in provincia di Isernia, e riguarda circa 30 mila persone. Salgono così a quattro i Comuni in zona rossa in Molise dopo i casi di Riccia e Montenero di Bisaccia in provincia di Campobasso.

18:45 – Borrelli: “Con orari dei supermercati più ampi meno file”
“Se l’orario di apertura del supermercato è più ampio si riducono le file. Ma dobbiamo avere uniformità di comportamenti. Misure uniformi rendono più agevole la vita a tutti”. Così il capo della protezione Civile, Angelo Borrelli, in conferenza stampa.

18:22 – Sindacati: “Chiudere attività non essenziali”. Videoconferenza con Conte
“Chiediamo di valutare la possibile necessità di misure ancora più rigorose di sospensione delle attività non essenziali in questa fase per il nostro paese”. I leader di Cgil Cisl e Uil, Maurizio Landini, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo, hanno scritto al premier e per conoscenza al ministro della Salute Speranza per chiedere, alla luce della progressione dei contagi, nonostante le misure di contenimento finora adottate anche con il Protocollo firmato con Confindustria, “una verifica comune sugli effetti applicativi dell’intesa” e sulla “possibile necessità di misure ancora più rigorose di sospensione delle attività non essenziali in questa fase per il nostro paese”.

18:10 – Sale a 53.578 il numero dei contagiati. Oggi 793 morti, 943 guariti
Sono complessivamente 42.681 i malati di coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a ieri di 4.821. Il numero complessivo dei contagiati – comprese le vittime e i guariti – ha raggiunto i 53.578. Il dato è stato fornito dal commissario per l’emergenza Angelo Borrelli nella conferenza stampa alla Protezione civile. Sono salite a 4.825 le vittime, con un aumento rispetto a ieri di 793 unità. E’ il maggior incremento dall’inizio dell’emergenza. Ieri l’aumento era stato di 627 morti. Sono quasi mille, per l’esattezza 943, i guariti oggi: il totale sale a 6.072.

17:25 – In Calabria 235 positivi
“In Calabria ad oggi sono stati effettuati 2480 tamponi. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 235 (+28 rispetto a ieri), quelle negative sono 2245″. Lo si legge nel bollettino della Regione. A Catanzaro: 13 in reparto, 9 in rianimazione, 29 in isolamento domiciliare; Cosenza: 28 in reparto, 4 in rianimazione, 14 in isolamento domiciliare, 2 deceduti; Reggio Calabria: 16 in reparto, 3 in rianimazione, 58 in isolamento domiciliare, 5 guariti, 2 deceduti; Vibo Valentia: 2 in reparto, 7 in isolamento domiciliare; Crotone: 14 in reparto, 28 in isolamento domiciliare, 1 deceduto. I “soggetti in quarantena volontaria – si legge ancora – sono 6382, così distribuiti: Cosenza: 1320, Crotone: 551, Catanzaro: 610, Vibo Valentia: 665, Reggio Calabria: 3236. Le persone giunte in Calabria che si sono registrate al sito della Regione Calabria sono 10314. Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro. Bollettino aggiornato alle ore 17 del 21 marzo 2020″.

17:23 – Sottratte in Polonia 23mila mascherine della Regione Lazio
“È grave e assurdo che siano state sottratte alla dogana in Polonia oltre 23 mila mascherine FFP2 acquistate dalla Regione Lazio. E’ un fatto di una gravità inaudita e abbiamo subito messo al corrente la Protezione Civile nazionale, che ringrazio, con l’intervento successivo delle nostre autorità diplomatiche. Chiedo che vengano restituiti al Lazio i dispositivi sottratti indebitamente e ringrazio l’Ambasciata d’Italia in Polonia e il nostro Ministero degli Esteri per l’immediato interessamento”. Lo dichiara l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D’Amato.

17:16 – Gallera: “Lunedì sarà dimesso il paziente 1”
Sarà dimesso lunedì Mattia, il cosiddetto paziente 1, ricoverato al San Matteo di Pavia. “Sta molto meglio” ha detto in diretta su facebook l’assessore Giulio Gallera.

17:07 – Fonti: “In arrivo 12 milioni di mascherine dalla Cina”
Arriveranno giovedì i primi 6 milioni di mascherine dei lotti di 100 e 50 milioni stipulati dal Governo con la Byd e un’altra azienda privata cinese attraverso la mediazione della Farnesina. Lo si apprende da fonti qualificate. Nei giorni scorsi era stato lo stesso ministro Di Maio ad annunciare l’arrivo di oltre 100 milioni di nuovi pezzi da dare in dotazione soprattutto a medici e infermieri. Di questi due lotti, altri 6 milioni sono previsti sabato, per un totale di 12 milioni in arrivo dalla Cina la prossima settimana. Poi 24 milioni di settimana in settimana. Le operazioni per far arrivare in Italia materiale sanitario vedono coinvolti in prima linea il ministero degli Affari esteri, il ministero della Difesa, la Protezione civile e il commissario Arcuri. “Le mascherine – viene riferito dalle stesse fonti – sono oggi la principale emergenza che stiamo affrontando, per permettere a medici e infermieri di poter continuare a salvare vite”. Giovedì arriveranno i primi 6 milioni di mascherine appartenenti ai lotti da 100 e 50 milioni previsti da accordi stipulati dal governo con la Byd e un’altra azienda privata cinese attraverso la mediazione del ministero degli Affari Esteri.

17:01 – Gallera: “In Lombardia 25.515 positivi: 3251 più di ieri”
Sono 25515 i positivi della regione Lombardia, 3251 più di ieri. Nella sola città di Milano sono 1829 i positivi, con un aumento di 279 in un giorno. I morti, invece, superano quota 3mila: “Sono 3.095 con un incremento di 546, sicuramente il dato che ci fa più male”. I ricoverati sono 8.258, con un aumento di 523, a cui vanno aggiunte 1.093 persone ricoverate in terapia intensiva, con spazi sempre meno capienti. Gallera ha aggiunto che “tutti gli esperti ci avevano detto che i giorni più duri sarebbero stati sabato e domenica il 13/o e il 14/o giorno dall’introduzione dell’effettiva misura di contenimento e, ahimè, gli esperti avevano ragione, dato che i dati sono tutti in forte crescita”. Sono 5869 i contagiati in provincia di Bergamo, 715 più di ieri, mentre a Brescia sono 5028, in crescita di 380. E’ l’aggiornamento sui numeri fatto dall’assessore Giulio Gallera. A Cremona sono 2733, 341 più di ieri, nel Lodigiano 1693, in crescita di 96, segno che la strada della chiusura, come attuata nella zona rossa del basso lodigiano, “è la strada maestra”. In crescita i numeri anche nella provincia di Monza Brianza, più 268 rispetto a ieri.

16:45 – Viminale a prefetti: stop blocchi ai trasporti
Proteste e conflittualità sindacale nel comparto logistica, trasporti e spedizioni, stanno rallentando “la consegna di prodotti di indispensabile uso” nell’emergenza Coronavirus, come farmaci, mascherine, camici. Lo evidenzia il Viminale in una direttiva in cui invita tutti i prefetti ad attivare le “opportune misure di mediazione ovvero di dissuasione, ritenute del caso per prevenire il fenomeno”.

16:43 – In Toscana superata quota 2000 contagi
Sono 2012 i contagiati totali in Toscana, secondo quanto si ricava dal report della Regione Toscana. 219 i casi in più, comunque in calo di circa un centinaio rispetto all’ultimo bollettino (ieri erano stati 311 i nuovi positivi. Tra questi 72 i decessi: ieri ne risultavano 47. Tra i pazienti morti – per i quali spetterà in ogni caso all’Istituto superiore di sanità attribuire i decessi al Coronavirus – l’età è tra i 58 e i 100 anni, persone, precisa la Regione, affette da più patologie. Ancora, crescono anche le guarigioni virali (i cosiddetti “negativizzati”), a oggi 18, mentre sono 17 le guarigioni cliniche. I casi attualmente positivi in cura sono dunque 1905. Per quanto riguarda i ricoveri, ad oggi sono in totale 866 di cui 202 in terapia intensiva.

16:26 – Salvini a Mattarella: “Riapra Parlamento e svegli l’Ue”
Cinque interventi “urgenti”. È la richiesta di Matteo Salvini rivolta a Mattarella. Oltre alla prima, quella di chiudere tutto subito, il leader della Lega prosegue: “Secondo: obbligare il governo a fornire di mascherine, camici e tutto il materiale sanitario necessario gli operatori della sanità, i medici in trincea e le forze dell’ordine. Non è possibile morire come servitori di uno Stato che ti dimentica. Terzo: tranquillizzare tutti i lavoratori e gli imprenditori che sono chiusi in casa responsabilmente garantendo un anno di pace fiscale. Moratoria fiscale e sospensione di tutte le tasse, locali e statali per tutto il 2020. Quarto: svegliare un’Europa che dorme e che si ricorda dell’Italia e dei cittadini europei solo quando si tratta di incassare. Cinque: riaprire il Parlamento, permettere a noi di svolgere il nostro mestiere come fanno tanti altri lavoratori italiani in prima linea. Abbiamo voglia di portare a Roma idee, proposte, soluzioni e contributi. Presidente Mattarella – conclude – ci affidiamo a lei visto che altri non sembra abbiano voglia e tempo di ascoltarci”.

16:24 – Farnesina: “In arrivo 3 milioni di mascherine”
Sono in arrivo per oggi, in Italia, circa 3 milioni di mascherine. Lo apprende l’ANSA da fonti della Farnesina che precisano: 1,2 milioni arriveranno nel pomeriggio dall’Egitto, 40mila dall’India, 1,5 milioni di pezzi e 100 ventilatori polmonari dalla Cina, mentre dalla Russia partiranno circa 1 milione di mascherine. Attività intensa portata avanti in stretto coordinamento dal ministero degli Esteri, della Difesa, dalla Protezione civile e dal commissario straordinario Arcuri. Le stesse fonti spiegano che il materiale sarà recuperato tramite mezzi dell’aeronautica militare.

16:10 – In Abruzzo 79 nuovi casi: 529 casi in tutto
In Abruzzo, dall’inizio dell’emergenza, sono stati registrati 529 casi positivi al Covid 19, diagnosticati dai test eseguiti nel laboratorio di riferimento regionale di Pescara, anche attraverso l’Istituto Zooprofilattico di Teramo. Rispetto a ieri si registra un aumento di 79 nuovi casi. Lo riferisce una nota della Regione. Dei casi positivi, 31 si riferiscono alla Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila, 91 alla Asl Lanciano-Vasto-Chieti, 302 alla Asl di Pescara e 105 alla Asl di Teramo. Va precisato che il numero elevato di casi registrati a Pescara è anche legato al fatto che al Santo Spirito accedono pazienti provenienti anche da altre aree della regione.

16:08 – Conte: “All’appello straordinario hanno risposto 3500 medici volontari”
“Ieri abbiamo lanciato un appello straordinario per creare una task force di 300 medici. Sono già oltre 3.500 i medici che hanno risposto all’appello, un numero che sta crescendo di ora in ora. In un momento così difficile, questa è l’ennesima risposta generosa di cui tutti noi italiani possiamo andare fieri. Grazie a tutti, eroi in camice bianco”. Così su Facebook il premier Giuseppe Conte. Il bando online (https://medicipercovid.protezionecivile.it) scadrà questa sera alle 20.00 ed è aperto a tutti i medici del Servizio sanitario nazionale, strutture convenzionate eliberi professionisti.

15:58 – Lopalco: “Più preoccupante situazione ospedale di rientro al Sud”
“Abbiamo avuto qualche segnale, ad esempio qualche studente rientrato in Puglia dal nord Italia che ha contagiato i propri genitori, però non è una bomba”. Così Pierluigi Lopalco, epidemiologo dell’Università di Pisa scelto dal governatore della Puglia, Michele Emiliano, per guidare la task force scientifica della Regione per l’emergenza coronavirus, all’Ansa. “Da un punto di vista sanitario – aggiunge Lopalco – preoccupa di più la situazione negli ospedali che il rientro di 23mila persone”.

15:56 – Morto a Piacenza don Paolo Camminati: è il sesto sacerdote della diocesi deceduto
È morto all’ospedale di Piacenza don Paolo Camminati, parroco di Nostra Signora di Lourdes, la più popolosa parrocchia di Piacenza. Aveva 53 anni e da giorni era ricoverato in gravi condizioni nel reparto di terapia intensiva a causa del contagio da Coronavirus. Per anni ha anche svolto attività di insegnamento nelle scuole superiori della città. “Il suo amore per la vita e la sua capacità di trasmettere i valori della fede cristiana non potevano lasciare indifferenti chiunque lo incontrasse”, ha detto il sindaco di Piacenza Patrizia Barbieri nel commentare la sua scomparsa. Don Camminati è il sesto sacerdote della diocesi di Piacenza morto per Coronavirus nel giro di un mese.

15:40 – “Premio di solidarietà” per i medici volontari
Avranno un “premio di solidarietà” di 200 euro al giorno, i 300 medici che faranno parte della task force coordinata dalla Protezione civile, in rinforzo negli ospedali per l’emergenza coronavirus. Lo prevede l’ordinanza n.654 firmata ieri dal capo della Protezione civile.
Il premio, che scatta per ogni giorno di lavoro svolto, sarà corrisposto direttamente dal dipartimento della Protezione civile e non concorre alla formazione del reddito. La task force sarà operativa fino alla fine dell’emergenza.

15:23 – L’appello dei medici del Piemonte
“Vi preghiamo di intervenire con urgenza a supporto della Regione Piemonte per permetterci di affrontare l’epidemia da Covid-19, che nelle nostre città prosegue il suo diffondersi con valori esponenziali”. Così l’Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri del Piemonte rivolgono a Governo, Protezione Civile e Regioni, in una lettera sottoscritta anche da varie sigle sindacali. “Tutti siamo allo stremo – scrivono – Iniziano a scarseggiare i posti letto in rianimazione e nei reparti: alcuni colleghi sono disperati”. L’appello è anche per i presidi, che oramai, scarseggiano. “Mancano ventilatori, caschi Cpap, farmaci. Non abbiamo medici a sufficienza, sia per l’esplosione dei casi ricoverati sia per la quarantena di molti di noi, che si sono infettati lavorando”. “Vi chiediamo di intervenire al più presto perché la situazione è grave e nei prossimi giorni diventerà drammatica”, concludono.

15:05 – Comune di Cutro diventa “zona rossa”
“Ho appena emanato l’ordinanza che dispone la ‘chiusura’ del Comune di Cutro (Crotone): si è resa necessaria a seguito del numero di casi di positività al Coronavirus registrati negli ultimi giorni”. Lo rende noto Jole Santelli, presidente della Regione Calabria. Previsto il divieto di allontanamento dal territorio comunale da parte di tutti gli individui presenti, il divieto di accesso nel territorio comunale, la sospensione delle attività degli uffici pubblici. Garantiti i servizi essenziali. “Potranno varcare i confini comunali gli operatori sanitari e socio-sanitari, il personale impegnato nelle attività collegate all’emergenza, gli esercenti che hanno attività consentite sul territorio e quelle strettamente strumentali ma tutti avranno l’obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione individuali”, ha aggiunto la governatrice.

15:04 – L’appello dei sindaci della Bergamasca: “Fermiamoci, ma per davvero”
“È arrivato il momento di fermarci, ma per davvero. Confidiamo in voi”, è l’appello firmato dai 243 sindaci dei Comuni Bergamaschi, a partire dal primo cittadino di Bergamo Giorgio Gori, inviato al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al governatore lombardo Attilio Fontana. “Al momento – spiegano – riteniamo che l’adozione di coraggiosi nuovi provvedimenti restrittivi possa rappresentare l’unica ed auspicabile soluzione per una tragedia che sembra oggi, che i contagi aumentano inesorabili, non avere fine”. La lettera è firmata anche dal Presidente della Provincia di Bergamo Gianfranco Gafforelli e dai primi cittadini di tutti i partiti politici che sottolineano la “tragedia” che sta vivendo l’intera Regione Lombardia. “Con questa nota – si legge nella lettera – si vuole rimarcare la necessità condivisa e trasversale di una effettiva presa di coscienza della drammaticità del momento anche per chi non vive questa Provincia”. La richiesta è quindi quella di ulteriori restrizioni necessarie “per salvare delle vite e per tutelare il valore primario della salute che non può che precedere quello pur sacrosanto del mercato economico”. “Al momento riteniamo che l’adozione di coraggiosi nuovi provvedimenti restrittivi possa rappresentare l’unica ed auspicabile soluzione per una tragedia che sembra oggi, che i contagi aumentano inesorabili, non avere fine – concludono – I movimenti sul territorio sono ancora troppi, e molti inesorabilmente costituiscono un vettore per questo virus”.

15:00 – Al via lo sbarco a Savona dei passeggeri italiani a bordo della Costa Luminosa
Inizieranno nel pomeriggio i primi trasferimenti al domicilio con trasporti protetti dei passeggeri italiani che si trovano a bordo di Costa Luminosa, la nave da crociera arrivata sabato mattina in porto a Savone. Oggi partiranno i passeggeri residenti nel centro-nord Italia e domattina sbarcheranno i passeggeri diretti nel Centro-Sud. I passeggeri saranno accompagnati al domicilio con trasporti protetti. Tutti i trasporti protetti sono organizzati dalla Protezione civile regionale e nazionale. A bordo ci sono 84 persone sintomatiche in isolamento obbligatorio in cabine dedicate.

14:57 – Zaia: “No ad attracco Costa Victoria”
“Ho parlato in videoconferenza con Borrelli e Arcuri sul tema della Costa Victoria, la nave che sta navigando da 14 giorni e che sembra abbia molte persone malate: abbiamo dato la nostra totale indisponibilità all’attracco a Venezia”, così il presidente del Veneto Luca Zaia dopo le polemiche sul possibile arrivo della nave nel capoluogo lagunare il 28 marzo. “Non perché siamo dei lazzaroni e non sappiamo che cosa è la solidarietà – puntualizza – ma perché, sapendo che a bordo ci sono 1.400 persone, non sappiamo quanti possano essere eventualmente i contagiati e abbiano bisogno di cure serie”. Zaia aggiunge: “non siamo nelle condizioni di far sbarcare queste persone e garantire loro in maniera seria la sanità perché siamo in emergenza”

14:52 – Fedez: “Lunedì pronto nuovo reparto di terapia intensiva dell’ospedale San Raffaele”

Lunedì sarà pronto il nuovo reparto di terapia intensiva dell’ospedale San Raffaele di Milano.A scriverlo su Twitter è Fedez che pubblica anche un video del reparto .”Difficile immaginare che fino ad una settimana fa questo era un campo sportivo. Un vero e proprio piccolomiracolo. Andiamo avanti!” scrive Fedez. Il cantante, con la moglie Chiara Ferragni, ha lanciato un crowfunding per realizzare la struttura raccogliendo oltre 4 milioni di euro.

14:48 – A Prato sequestrate 13570 mascherine

La polizia ha sequestrato a Prato 13.570 mascherine vendute in assenza dei requisiti sanitari di conformità e ha multato due negozi elevando sanzioni amministrative per 20.000 euro complessivi. Le mascherine erano state fabbricate all’estero, acquistate online su siti internet commerciali e spedite in Italia con corrieri internazionali. I titolari di entrambi i negozi sono stati sanzionati con una multa di 10.000 euro ciascuno.

14:06 – In Sicilia 79 nuovi contagi: sono 458
Cresce ancora il contagio da Coronavirus in Sicilia. Secondo i dati, aggiornati alle 12 di oggi e trasmessi dalla Presidenza della Regione siciliana, all’Unità di crisi nazionale, i positivi al Covid-19 nell’Isola sono attualmente 458, ossia 79 in più di ieri. Se si considera, però, sia il numero dei guariti, 26 persone, che quello dei morti, sei, il totale delle persone contagiate in Sicilia dall’inizio dell’emergenza è pari 490 persone (82 in più rispetto a ieri). Dall’inizio dei controlli, i tamponi validati dai laboratori regionali di riferimento (Policlinici di Palermo e Catania) sono 4.883. via losanna tizi vestiti di bianco che distribuiscono mascherine.

13:56 – Muore sindaco nel Piacentino
Il sindaco di Ferriere (Piacenza), Giovanni Malchiodi, è morto in mattinata in ospedale, dove era ricoverato da qualche giorno. Il primo cittadino del piccolo comune dell’Alta Val Nure aveva 62 anni ed era risultato positivo al coronavirus.

13:54 – In Piemonte 3752 persone positive: 301 in terapia intensiva

Sono 3.752 le persone finora risultate positive al ‘Coronavirus Covid-19’ in Piemonte. Di queste 654 sono in provincia di Alessandria, 166 in provincia di Asti, 182 in provincia di Biella, 265 in provincia di Cuneo, 330 in provincia di Novara, 1.680 in provincia di Torino, 210 in provincia di Vercelli, 149 nel Verbano-Cusio-Ossola, 55 residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 61 casi sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. Le persone in terapia intensiva sono 301. I tamponi diagnostici finora eseguiti sono 10.701, di cui 6.341 risultati negativi. 14 invece i nuovi decessi.

13:40 – Boccia: “1500 domande da medici volontari per task force Protezione Civile”

Ci sono già 15oo medici pronti a partire alla volta delle regioni più colpite. Ad annunciarlo su Facebook il ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia: “Un risultato straordinario”. “Di questa straordinaria partecipazione ho informato anche il presidente Fontana e l’assessore regionale Gallera – ha proseguito – con i quali ho anche parlato della sterile, grave e inutile polemica sulla mascherina Montrasio. Una operazione di sciacallaggio social che anche gli eventuali diretti interessati non comprendono. Quelle mascherine noi le utilizziamo per lavoro ogni giorno e lo faremo sempre per non sottrarre ai medici e al personale sanitario le mascherine chirurgiche”.

13:31 – A Roma isolata la casa di riposo Giovanni XXIII: due contagiati

“È stata isolata da parte della Asl Roma 2 la Casa di Riposo Giovanni XXIII in via Carlo Caleffi a Roma, la struttura ospita 66 anziani. Sono 2 gli operatori risultati positivi. Avviata la sorveglianza da parte della Asl Roma 2. Sono state date le prescrizioni alla Casa di Riposo e avviata l’esecuzione dei tamponi per i casi sintomatici. Avvisato della situazione il Prefetto di Roma”. A comunicarlo l’Unità di Crisi COVID-19 della Regione Lazio

13:30 – Appello dei medici bresciani: “Chiudere tutto”

“Le terapie intensive della Lombardia non hanno più posti. Il mio appello alle istituzioni è: chiudere tutto. Non si può continuare a far circolare le persone”. Così Sergio Cattaneo, primario di cardiorianimazione degli Spedali Civili di Brescia. Pensiero condiviso anche da Paolo Terragnoli, primario del pronto soccorso della Clinica Poliambulanza: “Aumentano sempre più i giovani contagiati. È finito il momento di uscire, bisogna stare a casa e va chiuso tutto”.

13:26 – Di Maio: “Già rimpatriate 9mila persone da 15 paesi”
“Abbiamo già rimpatriato 9 mila persone da 15 Paesi diversi”. Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio rispondendo, in un’intervista alle Iene, alle domande sulla situazione degli italiani all’estero in piena emergenza coronavirus. “Nel mondo – ha spiegato – ci sono 5 milioni di persone con il passaporto italiano. L’Unità di Crisi della Farnesina riceve tra le 30mila e le 40mila telefonate al giorno. Adesso è come se fosse scoppiata una crisi in ogni area del pianeta, stiamo lavorando per tutti quelli che ci contattano”. Tutti, ha assicurato, saranno assistiti e rientreranno in sicurezza se lo vorranno.

13:21 – Viminale: “Ieri 223.663 controllati e 10mila denunciati”
Ieri le Forze di polizia – indica il Viminale – hanno controllato 223.633 persone e 9.888 sono state denunciate. Gli esercizi commerciali controllati sono stati 91.129, denunciati 104 esercenti e sospesa l’attività di 19 esercizi commerciali. I 10mila denunciati in un giorno sono un record dall’avvio dei controlli, l’11 marzo. Salgono così a 1.650.644 le persone controllate dall’11 al 20 marzo: 70.973 quelle denunciate per mancato rispetto degli ordini dell’autorità, 1.600 per attestazioni false; 834.661 gli esercizi commerciali controllati e 1.977 i titolari denunciati.

13:07 – Friuli Venezia Giulia: “Pronti a fornire mascherine a tutta la popolazione”
“Per le mascherine da garantire al personale sanitario continuiamo a insistere con lo Stato dal quale però dobbiamo riceverle. Per il resto della popolazione abbiamo ottenuto una deroga alle caratteristiche delle mascherine per poterle produrre in Friuli Venezia Giulia. L’obiettivo è di fornire gratuitamente e prima possibile a ciascun cittadino del Fvg due mascherine lavabili e riutilizzabili in grado di contenere particelle salivali e di ridurre quindi la diffusione del contagio da coronavirus”. Così il governatore Massimiliano Fedriga e il vicegovernatore con delega a Salute e Protezione civile, Riccardo Riccardi, in merito all’avviso diramato dalla Protezione civile regionale a fornitori di mascherine, anche senza marchio CE.

13:02 – In Calabria 80 nuovi posti di terapia intensiva e subintensiva

“Stiamo rispettando il programma che abbiamo delineato nei giorni scorsi per affrontare l’emergenza che prevede in più fasi la realizzazione di Centri Covid localizzati in tutto il territorio per ospitare reparti di malattia infettiva, pneumatologia e terapia intensiva”, così Jole Santelli, presidente della Regione Calabria. Il piano prevede l’allestimento di una struttura modulare che sorgerà nell’area adiacente all’Azienda Ospedaliero Universitaria Mater Domini di Catanzaro. La struttura sarà realizzata con il coordinamento dell’Agenzia del Demanio e conterrà 80 nuovi posti terapia intensiva e subintensiva e permetterà di affrontare l’emergenza sanitaria. Grazie a questo intervento saremo in grado di gestire attraverso la connessione con il policlinico ulteriori 1000 casi di possibile contagio. Questi nuovi posti letto si andranno ad aggiungere ai 141 allestiti negli scorsi giorni in tutta la regione.

12:53 – Spallanzani: “I pazienti positivi sono 215”

Sono 215 i pazienti positivi al Covid-19 attualmente ricoverati all’Istituto Spallanzani di Roma. “Di questi, 21 pazienti necessitano di supporto respiratorio”, scrive la direzione sanitaria nel bollettino quotidiano. I pazienti dimessi, che hanno superato la fase clinica e che sono negativi per la ricerca dell’acido nucleico del nuovo coronavirus sono 324. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali, sono a questa mattina 67. In giornata sono previste ulteriori dimissioni di pazienti asintomatici o paucisintomatici. Già dalla giornata di ieri sono attivi i due Spoke a bassa intensità assistenziale (uno nella zona nord ed un altro nella zona sud di Roma) dove vengono accolti pazienti asintomatici o poco sintomatici, che per vario motivi non possono restare a casa. Attive anche 7 nuove postazioni di terapia intensiva a Casal Palocco.

12:42 – Zaia: “Non ritiro ordinanza, domani chiusi i supermercati”
“Ieri sera abbiamo avuto un fuoriprogramma, l’ordinanza del ministro Speranza va a regolamentare l’attività all’aria aperta ma io non ritiro l’ordinanza del Veneto“, ha annunciato sabato mattina il governatore Luca Zaia. “Per me resta valida fino al 3 aprile se un nuovo dpcm non la farà diventare inutile. Non si potrà uscire di casa se non per validi motivi. Si potrà uscir di casa a fare una passeggiata a 200 metri dalla propria abitazione. Ho chiuso anche gli alimentari per domani. Domani restano aperte solo le farmacie, le parafarmacie e le edicole”.

12:36 – Terza vittima in Sardegna
Terza vittima del coronavirus in Sardegna, la seconda a Sassari. È un ospite della casa di riposo per anziani Casa Serena, gestita dal Comune, morto questa notte nella camera dove era isolato da un paio di giorni. Lo ha annunciato il sindaco di Sassari, Nanni Campus. Resta alto l’allarme a Casa Serena: tra i 150 anziani ospiti, molti dei quali allettati e alle prese con altre patologie, sono stati registrati altri due casi di positività al virus. Tutto il personale è stato messa in quarantena e molti operatori si sono trasferiti all’interno della struttura.

12:31 – Altri 8 positivi alla Rsa di Cassino: in totale sono 24

“Sono positive altre 8 persone nella Residenza Sanitaria Assistenziale di Cassino dove i casi positivi salgono complessivamente a 24. La struttura deve essere posta in isolamento. Demandata alla Asl di Frosinone l’attuazione delle misure restrittive ed al SERESMI – Spallanzani l’indagine epidemiologica ed è stato avvisato il Prefetto di Frosinone”. Lo comunica l’Unità di Crisi COVID-19 della Regione Lazio.

12:30 – Sale a 12 il numero di morti in Umbria
Sale a 12 (8 nella provincia di Perugia e 4 in quella di Terni) il numero dei deceduti in Umbria con Covid-19. Ai 9 deceduti di cui è stata data comunicazione fino al 20 marzo si aggiungono altri 3 morti: due erano ricoverati all’ospedale di Pantalla e uno a Perugia. Alla mezzanotte del 20 marzo 462 persone in Umbria risultano positive al virus, i guariti sono 5.

12:13 – Galli: “Io troppo ottimista a febbraio, pensai che peggio fosse passato”
“Se c’è una cosa per cui sono infuriato con me stesso è di essere stato troppo ottimista quando, intorno al 20 di febbraio, il fatto che avessimo chiuso i viaggi con la Cina e controllato i voli prima degli altri ci aveva messo nella convinzione che il peggio fosse passato per l’Italia”. Lo sottolinea l’infettivologo Massimo Galli, primario dell’ospedale Sacco di Milano, che a SkyTg2 ripete: “Quello che abbiamo visto fino ad adesso, guardando le nostre sequenze” genetiche di coronavirus isolati “e anche quelle di altri centri, parla della fonte di Monaco di Baviera”.

12:06 – Nelle Marche 2.153 positivi, due guariti
Nelle ultime 24 ore sono stati rilevati altri 172 casi positivi nelle Marche, su un totale di 570 testati. I positivi salgono così in totale a 2153, su 5740 testati. Il presidente della Regione, Luca Ceriscioli, ha annunciato che ci sono anche i primi due guariti. Sono un anziano di Pesaro, di 88 anni, risultato positivo il 29 febbraio, ricoverato in rianimazione, poi trasferito in un reparto dedicato ai malati Covid e infine dimesso, e una signora, anche lei di Pesaro, di 55 anni, anch’essa risultata positiva il 29 febbraio e da quella data in isolamento domiciliare.

11:33 – Ricciardi: “Tracciare i contagiati come in Corea del Sud”
“Dobbiamo seguire la strategia adottata da Seul. D’accordo con il ministro, sto proponendo che la si adotti anche in Italia, abbiamo già attivato un gruppo di studio”. Walter Ricciardi, consulente scientifico del ministro della Salute Roberto Speranza, intervistato da Repubblica spiega che occorre aumentare i tamponi e usare la tecnologia per tracciare i contagiati e le persone con cui erano entrati in contatto. “Ci troviamo di fronte a un problema molto importante in fatto di privacy e andrà studiato con grande accuratezza. Ma bisogna capire che ci troviamo di fronte a una situazione di estrema gravità. Individuando precocemente tutti i contagiati e i loro contatti, potremmo garantire a quelli che non hanno problemi di circolare liberamente.

11:28 – Cassa integrazione per 9 settimane anche in Aspi
Aspi ha concordato con i sindacati il ricorso alla cig per 9 settimane, da lunedì 23 marzo a domenica 24 maggio 2020. A seguito delle limitazioni degli spostamenti necessarie per contrastare la diffusione del Covid-19, il traffico sulla rete di Autostrade per l’Italia ha subìto una progressiva e costante diminuzione e quella registrata nella settimana dal 9 al 15 marzo è, evidenzia la società, la flessione dei transiti in assoluto più importante nella storia della società, nel periodo sia pubblico che privato. La comunicazione della cigo sarà inviata all’intera forza lavoro di Autostrade per l’Italia, circa 4700 dipendenti, e riguarderà oltre 1500 persone (full time equivalent), mediante una rotazione basata su un’analisi delle esigenze di gestione della rete e delle funzioni lavorative svolte.

11:21 – Lunghe attese davanti ai supermercati a Torino
A Torino pochissime le persone in giro e ancora meno le auto. Deserta la Pellerina, il polmone verde alla periferia ovest della città, pattugliata dalle forze dell’ordine come anche il Valentino dopo lo stop alle attività all’aria aperta. Le uniche code si vedono agli ingressi dei grandi supermercati per effetto degli ingressi scaglionati. Per entrare all’U2 di via Pacchiotti questa mattina l’attesa è di oltre un’ora.

11:18 – L’esercito porta altri 70 feretri da Bergamo ad altre città del Nord
Questa mattina intorno alle 7 i camion dell’esercito hanno caricato circa una settantina di feretri per essere trasferiti dal cimitero di Bergamo in altre zone del Nord Italia. Cinquanta saranno trasportate a Ferrara.

11:17 – Sala: “Mi sto facendo sentire col governo, no a chiudere supermercati la domenica”
“Mi sto facendo sentire col governo perché trovo profondamente sbagliato che i supermercati chiudano la domenica, io capisco le loro difficoltà, capisco la difficoltà col personale ma più si riducono gli orari e più le code aumentano e ciò non va bene. I supermercati devono rimanere aperti, questo è il mio pensiero”. Così Giuseppe Sala, sindaco di Milano, sulla sua pagina Facebook.

11:12 – Decaro a Conte: “Misure immediate contro il collasso dei Comuni”
“Ci serve liquidità: lo Stato anticipi il pagamento di Fsc (fondo di solidarietà comunale) e altre spettanze pagandole subito e per intero”. Lo scrive il presidente dell’Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro, in una lettera indirizzata al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e al ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri. “La tenuta funzionale e organizzativa dei Comuni, sul piano operativo e, soprattutto, sul piano finanziario, è messa a dura prova dall’emergenza coronavirus. Maggiori oneri, entrate ridotte avranno un impatto sui nostri bilanci, approvati e in corso di approvazione. Il Paese rischia il collasso dell’unica istituzione di prossimità sul territorio nazionale”.

10:94 – File anche a Palermo
File lunghissime anche a Palermo davanti ai supermercati, soprattutto della grande distribuzione. Centinaia di persone sono in fila dalle sette in vista della chiusura dei supermercati prevista per domani, come prevede l’ordinanza del governatore Nello Musumeci.

10:41 – In Veneto 4.617 positivi e 146 decessi totali
Il numero dei positivi al Coronavirus in Veneto è salito stamane a 4.617, 380 in più rispetto alla rilevazione di ieri sera. Lo comunica la Regione Veneto. Le persone in isolamento domiciliare sono 13.589. Vi sono stati 6 nuovi decessi, che portano a 146 il numero complessivo delle morti. In terapia intensiva vi sono 249 malati. Nessun nuovo caso di positività a Vò.

7:31 – Lunghe code davanti ai supermercati a Milano dalle 6:30
Dopo le code di ieri nei supermercati di tutta Italia, a Milano anche oggi, all’esterno dei punti vendita, la gente ha cominciato a mettersi in fila intorno alle 6.30. All’Esselunga di via Fauché, una delle più note, la coda si snoda già per quasi tutto l’isolato, e continuano ad arrivare persone. Esselunga, che ha ridotto di poco gli orari, ha annunciato ingressi prioritari per medici e infermieri.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, a Milano lunghe code davanti ai supermercati: in fila dalle 6.30 del mattino. Attese anche di 2 ore, le immagini

next
Articolo Successivo

Coronavirus, su 1.600 dipendenti dell’Azienda sanitaria di Crotone 300 sono in malattia. Direttore generale: “Una pericolosa anomalia”

next