Il 2o marzo del 1994 venivano assassinati a Mogadiscio Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, inviati del Tg3 che stavano indagando sui traffici illeciti tra Somalia e Italia. Da 26 anni si attendono quella verità e quella giustizia invocate, sino all’ultimo istante della loro vita, da Luciana e Giorgio Alpi.

Dopo la loro morte abbiamo deciso di prendere sulle nostre spalle il loro dolore e di impedire che il cinismo dominante e l’oblio potessero cancellare la memoria e favorire l’archiviazione definitiva del fascicolo giudiziario. Da qui la nascita del movimento #noinonarchiviamo che ha messo insieme la federazione della stampa, il Sindacato dei giornalisti Rai, Articolo 21, Libera contro le mafie, Libera informazione, Legambiente, il comitato di redazione del Tg3, amiche e amici di Ilaria e Miran, a partire da Mariangela Gritta Grainer che ha raccolto l’eredità morale della famiglia Alpi.

Oggi, paradossalmente, scadono gli ulteriori sei mesi di proroga delle indagini strappate dagli avvocati Carlo Palermo e Giulio Vasaturo. Il tribunale potrebbe tornare a chiedere l’archiviazione. E noi ci opporremo perché è giunto il momento che le istituzioni dispongano la desecretazione degli atti ancora riservati.

I giudici li hanno più volte richiesti, invano! Eppure in quelle carte, particolarmente nei rapporti riservati trasmessi nelle prime ore, potrebbero esserci elementi capaci di rivelare la mappa delle complicità e delle collusioni risalenti a servizi deviati, a politici corrotti, al giro delle tangenti legate ai rifiuti tossici nocivi. Dopo 25 anni quelle carte vanno rese pubbliche e trasmesse ai magistrati.

Per questo non molleremo la presa e, da oggi, torneremo a chiedere a tutte le autorità costituzionali e istituzionali, a partire dal presidente del Consiglio e dai presidenti delle Camere, di reclamare la consegna dei documenti e di unirsi alle voci di chi chiede verità e giustizia per Ilaria Alpi e Miran Hrovatin.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il “paziente 1” un mese dopo: il 38enne Mattia sta per tornare a casa. “Ho tenuto duro perché tra poco diventerò papà”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, pronta una nave ospedale a Genova: 25 posti letto per l’isolamento di casi lievi e di pazienti dimessi

next