“Come potete vedere dallo sfondo alle mie spalle, non sono più a New York. L’altro ieri sera abbiamo avuto un momento in cui ci siamo sentiti un po’ persi io e Claudio, per la situazione. New York non era più una città da considerarsi sicura per noi, nelle mie condizioni soprattutto”. Esordisce così Clio Zammatteo, meglio conosciuta sul web come Clio MakeUp, in un videomessaggio pubblicato su Instagram in cui rivela che a causa dell’emergenza coronavirus lei e la sua famiglia hanno lasciato New York – la città in cui vivono – per trasferirsi a casa dei suoceri, in un’altra città in America. Nata a Belluno e diventata celebre con i suoi tutorial di trucco, l’influencer ha una bambina di 2 anni e mezzo ed è incinta, motivo per cui non ha nascosto ai suoi 3milioni di followers le sue paure, legate soprattutto al fatto che in questi giorni negli Usa ci sia una vera e propria corsa alle armi.

Quando inizi a vedere che la gente va a comprare armi anziché comprare la carta igienica, o pensi al livello di povertà che c’è nella vita… Abbiamo iniziato ad aver paura più che del virus ma della reazione della gente – racconta Clio -. Con una bambina piccola e una in arrivo. Abbiamo deciso di venire dalla nostra seconda famiglia qui in America, da Giuliana. Le grandi città non sono sicure in questo momento in America”. Clio Make Up è visibilmente commossa e non nasconde le lacrime, soprattutto quando parla del parto imminente e dei suoi amati gatti che ha dovuto lasciare nella loro casa di New York: “Non so cosa accadrà con il parto imminente: qua non ho neanche il dottore. Però almeno mi sento sicura e la famiglia viene prima di tutto. Come si dice in Italia: andrà tutto bene”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Netflix lancia l’opzione “party”: vedere un film o una serie tv a distanza con i propri amici si può

next
Articolo Successivo

Coronavirus, al Grande Fratello Vip il microfono di Alfonso Signorini resta aperto: “Stasera è pasantissimo”

next