Dopo le prime indiscrezioni di stamane, quando sono apparse negli store statunitensi, è arrivata finalmente l’ufficialità per i nuovi auricolari Apple PowerBeats 4. Poche sono le sorprese per quanto riguarda la scheda tecnica, visto che le caratteristiche erano già state anticipate nei giorni scorsi da alcune indiscrezioni, rivelatesi appunto fondate. Come previsto, dunque, ci sono piccole ma sostanziali differenze estetiche rispetto alla generazione precedente con un focus particolare su prestazioni e autonomia.

Le PowerBeats 4 sono cuffie auricolari collegate da un filo e caratterizzate dal classico archetto. A differenza della generazione precedente però, ora il filo che collega i due auricolari ora passa dietro all’orecchio, assicurando così una maggiore stabilità. Le cuffie inoltre sono anche certificate IPX4 per quanto riguarda la resistenza ad acqua e sudore.

I nuovi auricolari Apple integrano ora il chip H1, lo stesso visto a bordo delle PowerBeats Pro e delle AirPods 2, che dovrebbe garantire una migliore stabilità nella connessione e una più efficiente gestione energetica. Apple parla ora di 15 ore di riproduzione, circa 3 in più rispetto ai predecessori. Presente anche il supporto alla ricarica rapida che garantisce fino a 1,5 ore di autonomia con soli 5 minuti di ricarica. Non manca infine il connettore Lightning ed è presente in confezione un cavo con connettore di Tipo A.

Presente poi ovviamente anche il pieno supporto all’assistente digitale Siri, che può essere quindi utilizzato per la gestione tanto della riproduzione musicale quanto delle chiamate. In ogni caso sull’auricolare destro sono presenti due pulsanti per la gestione manuale dei controlli. La qualità audio in conversazione è assicurata da due microfoni, un sensore di movimento e un sensore dedicato al rilevamento della voce.

Apple PowerBeats 4 arriveranno negli Stati Uniti a partire dal 18 marzo in tre colorazioni (bianca, nera, rossa) a un prezzo di 149 dollari. Non ci sono ancora notizie e prezzi per l’Europa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Facebook stanzierà oltre 100 milioni di dollari per sostenere 30mila piccole imprese in più di 30 Paesi

next
Articolo Successivo

Coronavirus, “iorestoacasa” è l’app della Federazione delle Società Medico Scientifiche Italiane che promuove comportamenti corretti e sicuri

next