Eccoci tutti e quattro al lavoro. Io e mio marito con i portatili, i bambini con il tablet e la plastilina: un connubio decisamente pericoloso. Sul tavolo della cucina ormai non si condividono più soltanto i pasti, ma anche gioco e impegni professionali.

Oggi sarebbe proprio stato bello portare i bimbi a fare una passeggiata fuori, nei campi che circondano la nostra cittadina: ma non l’abbiamo fatto. Anche se nel mezzo della campagna si possono tranquillamente evitare gli assembramenti, non si deve fare. E quasi tutti, come noi, stanno rispettando questo divieto.

Ci siamo accontentati ancora una volta del nostro fazzoletto di giardino, dove abbiamo anche incontrato un nuovo amico. Per i bambini è stato un bellissimo regalo: un bel ramarro, grande, di un verde acceso, come non ne avevano mai visti. Certo, non si è fatto accarezzare, e la mia piccolina è rimasta un po’ contrariata dalla cosa. Ma questo incontro ravvicinato con la natura è stato davvero emozionante.

Le giornate, fortunatamente, non sono tutte uguali.

Bisogna dare valore ad ogni singolo giorno, rendendolo speciale in qualche modo, anche con semplicità. Questo è un consiglio per tutti i principianti della quarantena. Si può fare e si deve fare, se si ha la fortuna di non vivere sulla propria pelle il dramma del coronavirus. La salute è un dono.

Oggi è apparso il primo messaggio sulla chat delle mamme dell’asilo nido dal 27 febbraio. Segno, suppongo, che dopo il panico e lo smarrimento iniziale, ci siamo tutti un po’ abituati alla vita in quarantena. E abbiamo trovato un nuovo equilibrio.

Vi abituerete anche voi. Presto vi stancherete dei flash-mob alla finestra, smetterete di telefonare e chattare con tutti vostri contatti della rubrica telefonica e vi ritroverete pieni di cose da fare. Sì, a casa: l’unico posto dove vi sentirete davvero liberi, perché proprio tra le mura domestiche vi sentirete più al sicuro.

Sembra impossibile, vero?

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sono le Venti (Nove), per il coronavirus in Europa è “guerra” per le mascherine: solo in Italia ne servirebbero 90 milioni al mese

next
Articolo Successivo

Coronavirus, morto a Mestre Francesco Saverio Pavone. Da pm aveva smantellato la Mala del Brenta

next