Un altro giorno è trascorso, un altro giorno chiusi in casa. La pioggia non ci ha nemmeno consentito la consueta “ora d’aria” in giardino. Adesso che poi l’aria della Pianura Padana è pure meno inquinata, perché è tutto fermo da tre settimane, respirare all’aperto ci è mancato davvero tanto…

Non sono una psicologa, ma ho sentito da esperti del settore che bisogna parlare con i bambini di quello che stiamo vivendo perché anche i più piccoli hanno bisogno di elaborare questa situazione. Se poi le emozioni che noi genitori trasmettiamo loro sono in contrasto con quanto gli raccontiamo, questo potrebbe confonderli. Rassicurare troppo e minimizzare il problema non sempre è la soluzione migliore.

Io per il momento ho chiesto ai piccoli se sono contenti di essere a casa con mamma e papà: la risposta, grazie al cielo, è stata sì. Facciamo un passo per volta.

Fuori non si vede praticamente nessuno.

Qualche casalino questa settimana è tornato a lavorare: mascherine, distanze di sicurezza e turni per far venire il meno a contatto possibile i dipendenti delle aziende. Ho visto la foto di mio cognato in fabbrica e sembrava quasi un astronauta.

Siamo lontani anni luce da un ritorno alla normalità, i numeri che arrivano dagli ospedali ne sono la conferma. Ma ora che tutta l’Italia è in emergenza, che sono state fatte campagne di comunicazione su tutti i canali (radio, tv, social) per far capire ai cittadini che se saremo uniti nel rispettare le regole ce la faremo, un po’ più di ottimismo ce lo possiamo concedere.

E se prima erano i nostri connazionali all’estero a preoccuparsi per le proprie famiglie in patria, adesso siamo noi (ancora nel pieno dell’emergenza) ad essere in ansia per i nostri cari fuori dai confini. Perché le misure che stanno prendendo paesi come il Regno Unito spaventano più degli aperitivi nostrani contro il coronavirus di un paio di settimane fa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, morto un operatore del 118 che lavorava in prima linea: aveva 47 anni e due figli. Da una settimana aveva febbre alta

next