L’Unione europea ha adottato un nuovo piano d’azione per l’economia circolare, come parte dello sforzo teso a raggiungere gli obiettivi di crescita sostenibile promessi nel Patto Verde europeo. Tra le altre cose, il piano introduce un disegno di legge per il “diritto alla riparazione” che, almeno nelle intenzioni, dovrebbe spingere le aziende a creare prodotti che durino più a lungo e che possano essere facilmente riciclati o riparati. La Commissione europea spera che questa nuova norma coprirà smartphone, tablet e notebook entro il 2021.

La legge dovrebbe imporre una progettazione che sia più sostenibile per questo genere di dispositivi, stabilendo nuovi standard tecnici in modo che essi siano riparabili e dotati di parti sostituibili. Sostanzialmente si tratta di un’estensione ai dispositivi hi-tech delle norme già introdotte lo scorso ottobre dalla legge sulla progettazione ecocompatibile per gli elettrodomestici e che impone alle aziende di fornire parti di ricambio per i propri elettrodomestici per un massimo di 10 anni. Il disegno di legge “diritto alla riparazione” per smartphone e laptop non impone però tale periodo di tempo, ma spinge invece per l’adozione di un design più sostenibile.

Foto: Depositphotos
Foto: Depositphotos

“Nell’ambito di questa iniziativa legislativa e, dove necessario, attraverso proposte legislative complementari, la Commissione prenderà in considerazione l’istituzione di principi di sostenibilità e altri modi adeguati per regolare i seguenti aspetti:

  • Migliorare la durabilità, riusabilità, aggiornabilità e riparabilità del prodotto, affrontando la presenza di prodotti chimici pericolosi nei prodotti e aumentandone l’efficienza energetica e di gestione delle risorse
  • Aumentare il contenuto riciclato nei prodotti, garantendo al contempo prestazioni e sicurezza
  • Consentire la rigenerazione e il riciclaggio di alta qualità
  • Ridurre le emissioni di anidride carbonica e ambientale
  • Limitare l’obsolescenza programmata e contrastare i prodotti monouso”, si legge nel documento uffficiale.

Stando a quanto dichiarato dal commissario europeo per l’ambiente Virginijus Sinkevičius l'”economia circolare” sarà il nuovo modello economico del continente europeo perché altrimenti l’Unione europea non sarà in grado di raggiungere il suo obiettivo di emissioni zero entro il 2050.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Motorola One Zoom, smartphone con quad camera da 48 Mpixel in offerta su Amazon con sconto del 33%

next
Articolo Successivo

Redmi Note 9 Pro e Pro Max ufficiali, immagini e caratteristiche tecniche

next