Dal 4 febbraio occupano un’area vicina alla loro terra, a San Paolo, per impedire alla società Tenda di costruire 11 torri con 880 appartamenti. Sono circa 200 gli indigeni guaranì Mbya che hanno deciso di protestare dopo l’abbattimento di circa 500 alberi a pochi metri dalla loro terra, che è la più piccola riserva indigena delimitata del Brasile, per frenare il progetto edilizio. Dopo ore di confronto, le parti hanno raggiunto un accordo, con i membri della comunità che hanno accettato di spostare la protesta all’ingresso del sito e le autorità che hanno promesso lo stop ai lavori fino a quando un tribunale federale non deciderà sul caso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, 4.500 morti nel mondo. Oms: “Covid-19 è una pandemia. Siamo profondamente preoccupati dai livelli allarmanti di inazione”. Vertice tra von der Leyen e Conte: “L’Ue impari lezione dall’Italia”

next