Cominciano ad arrivare anche per l’auto i primi effetti del decreto emanato dalla Presidenza del Consiglio contenente le misure per il contrasto del Coronavirus. In particolare, l’Aci ha fatto sapere con una breve nota che i propri uffici sul territorio resteranno chiusi fino a metà mese, sebbene tutti gli altri servizi rimangano operativi. Di seguito, il testo del comunicato:

“In applicazione delle nuove norme per il contenimento del Coronavirus, saranno chiusi al pubblico in tutta Italia fino al 16 marzo gli sportelli del Pubblico Registro Automobilistico, quelli adibiti alla gestione delle tasse automobilistiche e i relativi uffici per le relazioni con il pubblico.
I servizi on line resteranno comunque attivi, anche per consentire la piena operatività gli Sportelli Telematici dell’Automobilista, compresa la presentazione telematica delle pratiche.
I servizi di assistenza sulle tasse automobilistiche saranno sempre disponibili tramite i consueti i canali postali, telefonici e telematici”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, salta la gara di Formula E a Roma. L’Aci: “Non ci sono date alternative”

next
Articolo Successivo

Bmw, non solo auto. Ecco la nuova bicicletta dal cuore italiano 3T FOR BMW

next