Un gruppo di attivisti dei centri sociali del Nord-Est e della campagna #LesvosCalling, nella mattina del 6 marzo, hanno occupato la sede della commissione Ue nel Palazzo delle Stelline a Milano. L’azione è durata qualche ora. “Protestiamo”, hanno scritto su Twitter, “per denunciare i crimini contro i migranti al confine turco-greco, perpetrati dalla polizia greca con la complicità e il bene placito dell’Ue”.

Negli ultimi giorni infatti, la situazione alla frontiera tra Grecia e Turchia è precipitata: Erdogan ha annunciato che non fermerà più i profughi in fuga dalla Siria e ha rilanciato il suo ricatto a Bruxelles. Il governo greco ha risposto chiudendo i confini e schierando le forze dell’ordine. Nei video diffusi dai turchi si vede la polizia greca sparare proiettili di gomma contro i gommoni. Un comportamento sul quale è stato interrogato nelle scorse ore il portavoce Ue Eric Mamer: “Se è illegale? Dipende”, ha risposto provocando numerose polemiche.

Come si legge su Globalproject.info, che per primo ha dato notizie della protesta a Milano, l’occupazione è stata organizzata per “denunciare la situazione che si sta perpetrando in questi giorni” e “che vede l’Ue complice di crimini contro i diritti umani e la vita delle persone, con i sinceri complimenti per l’ottimo lavoro svolto finora nel tenere chiuso quel confine. Attivisti e attiviste denunciano la complicità di Ue con i metodi violenti e inumani di chiusura dei confini”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spagna, il governo di sinistra cambia la legge sulla violenza sessuale: “Solo un sì è un sì. Il consenso c’è solo se è esplicito”

next
Articolo Successivo

Contraccezione gratis e accessibile? Italia al 26° posto vicina a Turchia e Ucraina. Da consultori depotenziati ai costi: la rivoluzione incompiuta

next