Apparentemente una normale busta di carta gialla, di quelle usate per corrispondenza e documenti: ma all’interno conteneva un ordigno rudimentale pronto ad esplodere. A Roma si indaga su misteriosi plichi bomba, che questa settimana hanno già ferito tre donne: l’ultimo, il quarto, è stato recapitato in un appartamento in zona Baldo degli Ubaldi, nel quartiere Boccea. La persona a cui era destinata non l’ha aperto e ha subito contattato i carabinieri. Sul posto sono intervenuti anche gli artificieri e il Ris di Roma. Indagano i carabinieri del Nucleo investigativo: la mano dietro le buste, dicono, potrebbe essere sempre la stessa. In Procura è stato aperto un fascicolo di indagine per attentato con finalità di terrorismo e lesioni.

La prima busta era esplosa a Fiumicino, in un grande centro di smistamento della corrispondenza, domenica sera: era destinato a un’epidemiologa ex dipendente dell’Università di Tor Vergata, ma è esploso tra le mani dell’addetta postale che lo stava maneggiando. Un’altra busta è arrivata in un’abitazione del quartiere Nuovo Salario, ferendo un’impiegata dell’Inail 54enne, mentre la terza è arrivata alla Balduina, colpendo un’altra donna: una 68enne ex dipendente dell’Università del Sacro Cuore, ustionata alle mani e al volto.

Le tre donne non si conoscono tra loro e non ci sono elementi a legarle tra loro: il loro indirizzo privato però era evidentemente noto a chi ha spedito i pacchi, probabilmente sempre lo stesso. Le indagini non escludono nessuna pista, nemmeno quella anarchica. Al termine di un vertice in Procura fra pm e gli investigatori del Ros e della Digos è emerso che dietro questi gesti potrebbero esserci frange antimilitariste che vogliono protestare contro gli accordi siglati dalle università di Tor Vergata e della Cattolica del Sacro Cuore con l’Aeronautica militare e con il Corpo d’Armata di Reazione Rapida della Nato. Al momento però non sono arrivate rivendicazioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la diretta – Oltre 4.600 casi, 197 morti, 462 in terapia intensiva e 523 guariti. Via libera del Cdm all’assunzione straordinaria di 20mila persone nella Sanità

next