AppGallery, l’app store proprietario introdotto da Huawei in alternativa a Google Play a seguito del ban statunitense, ha raggiunto i 400 milioni di utenti attivi mensili, servendo oltre 600 milioni di utenti di dispositivi Huawei in più di 170 Paesi, superando i 10 miliardi di download nel corso dell’anno e posizionandosi come il terzo app store del mondo, alle spalle proprio dell’Apple App Store e di Google Play. Ad affermarlo è stato lo stesso colosso cinese, a margine della presentazione del Mate Xs avvenuta ieri.

Si tratta di una notizia piuttosto significativa se la si inquadra a partire dalla situazione attuale. Come sappiamo infatti il Governo degli Stati Uniti ha inserito Huawei nella black list delle aziende inaffidabili dal punto di vista della sicurezza, proibendo di conseguenza alle società statunitensi di collaborare commercialmente con essa. Questo ha portato alla perdita dei servizi nativi di Google sugli smartphone Huawei prodotti dopo il 19 maggio 2019. Tra questi, oltre a Google Maps, Gmail, Youtube e molte altre ancora, c’è anche il Google Play, la porta di accesso alle centinaia di migliaia di app di terze parti.

Un colpo assai grave per Huawei, che si è trovata così a proporre sul mercato smartphone anche molto interessanti, come il recente P30, ma su cui è impossibile installare app. Per questo il colosso cinese ha iniziato a sviluppare le sue soluzioni proprietarie, i cosiddetti HMS (Huawei Mobile Services), introducendo anche l’AppGallery, con i risultati annunciati ieri e, francamente, del tutto inattesi.

I numeri dimostrano dunque che forse c’è vita al di fuori dell’ecosistema Google e che gli utenti possono accettare soluzioni alternative, se sono abbastanza valide. È probabile dunque che man mano che Huawei procederà a localizzare i propri servizi in altri mercati, un numero ancora maggiore di utenti nel mondo inizierà ad apprezzarle e ad utilizzarle regolarmente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

LG V60 ThinQ 5G, smartphone con doppio schermo e batteria generosa

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Facebook dice no alle pubblicità su false cure

next