Dacia, brand low-cost della Renault, ufficializza l’arrivo del suo primo modello a trazione 100% elettrica: l’auto potrebbe esordire già nel corso del 2021 o, al più tardi, nel 2022 e avere le fattezze di una citycar col piglio da crossover. Quanto descritto è riportato in una slide divulgata dal gruppo transalpino, in cui è raffigurato il cronoprogramma sull’elettrificazione.

La base tecnica (e stilistica) potrebbe essere quella della Renault City K-ZE, presentata ad aprile dello scorso anno in occasione del Salone di Shanghai e costruita in Cina. Lunga 3,73 metri, ha una batteria da 26,8 kWh che, secondo il costruttore, sarebbe sufficiente a garantirle un’autonomia di 271 km (omologata Nedc, circa 200 km nel più severo Wltp) e può essere rifornita pure tramite colonnine rapide: bastano 50 minuti per passare dallo 0 all’80% della carica. Caratteristiche tecniche che sembrano ben sincronizzate con le necessità di mobilità urbana e con la relativa infrastruttura di rifornimento.

Il motore elettrico eroga 45 Cv di potenza massima e 125 Nm di coppia motrice, più che sufficienti per spingere un mezzo che pesa appena 921 kg. City K-ZE è progettata per ospitare cinque persone e il bagagliaio ha una volumetria di 300 litri. Fanno parte del corredo tecnico le luci diurne a Led, l’infotainment connesso con schermo da 8″ e un sensore per la qualità dell’aria che rileva anche le polveri sottili ed evita che entrino nell’abitacolo. A quanto pare, quindi, la ricetta commerciale sembra poter rimanere quella che ha fatto la fortuna del marchio romeno: proporre solidi contenuti a un prezzo competitivo, che sia allettante per il pubblico.

A marchio Renault, invece, sarà la nuova Twingo Z.E., in rampa di lancio entro la fine dell’anno: quest’ultima, che condivide la base tecnica con la Smart ForFour, potrebbe ereditare dalla tedesca anche il powertrain elettrico da 82 Cv di potenza massima e 160 Nm di coppia motrice, alimentato da una batteria agli ioni di litio da 17,6 kWh. Sulla Smart il battery pack consente un’autonomia reale di circa 130 km (quella omologata oscilla fra 147 e 159 km). Non è escluso, però, che la Renault Twingo Z.E. possa poter contare su un accumulatore più grande, magari lo stesso della City K-ZE.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Maserati, il futuro è a batteria. Ecco la strategia per l’elettrificazione

next
Articolo Successivo

Cuba, auto elettriche per ridurre la dipendenza dal petrolio? A L’Avana ci pensano

next