Il candidato della République En Marche alla poltrona di sindaco di Parigi nonché fedelissimo del presidente Emmanuel Macron, Benjamin Griveaux, si è ritirati dalla corsa alle elezioni municipali del prossimo marzo dopo che, mercoledì 12 febbraio, in rete è stato diffuso un suo video intimo a carattere sessuale e che lui stesso avrebbe inviato a una donna. È stato lo stesso ex portavoce del governo ad annunciare la sua decisione, parlando di “attacchi ignobili”.

La diffusione online è stata rivendicata dall’artista russo Piotr Pavlenski. Intervistato da Libération, il russo rifugiatosi in Francia ha precisato così di aver voluto “denunciare l’ipocrisia” del candidato. Il quotidiano Mediapart ha raccontato di essere stato contattato dallo stesso artista nei giorni scorsi per pubblicare il video, ma di aver rifiutato perché si è ritenuto che “non avesse interesse pubblico”. Pavlneski ha detto di aver avuto quel video da una “fonte” che aveva una relazione consensuale con il candidato sindaco della République En Marche

“Ho deciso di ritirare la mia candidatura all’elezione municipale parigina”, ha spiegato invece stamattina Griveaux in un video diffuso questa mattina da Bfm-Paris. “Non intendo esporre ulteriormente, me e la mia famiglia, quando tutti i colpi sono ormai permessi, qui ci si spinge oltre. E’ una decisione che mi costa, ma le mie priorità sono chiare, prima la mia famiglia”. Nella breve dichiarazione, Griveaux ha aggiunto che da oltre “un anno, con la mia famiglia, abbiamo subito parole diffamanti, bugie, pettegolezzi, attacchi anonimi, rivelazioni di conversazioni anonime e minacce di morte. Questo torrente di fango mi danneggia, ma soprattutto fa male a chi amo. Come se non bastasse, ieri, si è superato un ulteriore livello. Un sito web e dei social network hanno rilanciato degli attacchi ignobili in cui viene messa in discussione la mia vita privata“.

Ex socialista di 42 anni, tra i primi sostenitori del movimento che nel 2017 portò Macron all’Eliseo, Griveaux ha visto le sue chance di farcela a Parigi fortemente ridimensionate dopo la mossa di Cédric Villani, l’altro candidato ‘dissidente’ della République En Marche che ha spaccato in due l’elettorato macronista. In Francia, le elezioni municipali si terranno in due turni, il 15 e il 22 marzo. Secondo un ultimo sondaggio Odoxa-Cgi per Le Figaro, Griveaux si sarebbe piazzato in terza posizione, con il 16% delle preferenze, dietro alla sindaca uscente socialista Anne Hidalgo (23%) e la candidata dei Républicains, Rachida Dati (20%). La sua uscita dalla corsa elettorale è anche un colpo per Macron, che sostenne fortemente la sua candidatura.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, contagio per uno straniero in Egitto: è il primo caso in Africa. Partito volo per il rimpatrio 17enne italiano bloccato a Wuhan

next
Articolo Successivo

Parigi, il candidato sindaco Griveaux (En Marche) dopo la diffusione di immagini intime: “Attacchi ignobili e minacce di morte, è troppo”

next