Gli scienziati e i ricercatori continuano senza sosta lo studio del coronavirus, il patogeno che in Cina ha contagiato oltre 60mila persone. Cinque foto a colori in alta risoluzione – firmate dagli scienziati dei Rocky Mountain Laboratories (Rml) di Hamilton, Montana, parte dei National Institute of Allergy and Infectious Diseases (Niaid) – consegnano al mondo il primo ritratto del nuovo coronavirus identificato in Cina nel dicembre 2019.

Ne dà notizia il Niaid, Istituto della rete Nih (i National Institutes of Health americani), sottolineando che le immagini del Sars-CoV-2, agente patogeno responsabile della malattia Covid-19, “non appaiono molto diverse da quelle del Mers-CoV responsabile della Sindrome respiratoria del Medio Oriente (patologia emersa nel 2012), o del Sars-CoV che causa la Sindrome respiratoria acuta grave diffusasi nel 2002. Ciò non sorprende”, evidenziano gli esperti, considerando che tutti e tre questi agenti patogeni appartengono alla famiglia dei coronovirus, caratterizzati da ‘spuntoni’ (spike) che sulla superficie formano la struttura a corona da cui deriva il loro nome. Le fotografie sono state ottenute utilizzando microscopi elettronici a scansione o a trasmissione. Emmie de Wit dei Rocky Mountains Labs ha fornito i campioni virali; la microscopista Elizabeth Fischer ha prodotto le immagini, mentre il Visual Medical Arts Office Rml le ha colorate in digitale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, è ancora caccia aperta all’animale “untore”. Per l’Oms è cruciale risolvere il rebus scientifico

next
Articolo Successivo

Ha metà cervello ma quoziente intellettivo medio-alto, storia di C1 e del suo misterioso emisfero destro

next