Proprio mentre in Italia si discute sull’opportunità dei blocchi della circolazione, dal dl Milleproroghe arriva una stretta sugli incentivi alle auto green. In Commissione Trasporti alla Camera è stato infatti approvato un emendamento che di fatto stabilisce un abbassamento del precedente limite alle emissioni di anidride carbonica per chilometro, che dà diritto al bonus fissato dalla manovra economica approvata nel dicembre del 2018.

Parliamo dei 2.500 euro che spettano a chi rottama un veicolo inquinante per acquistarne uno nuovo e a basso impatto ambientale. E che finora erano stati erogati se la nuova auto aveva emissioni di CO2 comprese nella forbice tra i 21 ed i 70 grammi per chilometro. Ora invece, per effetto dell’emendamento di cui sopra, il limite superiore scende da 70 a 60 g/km, mentre quello inferiore di 21 resta immutato. Non cambia neanche l’entità della sovvenzione statale in caso non si disponga di auto da rottamare, che resta di 1.500 euro e scatta comunque nella fascia che va ora dai 21 ai 60 grammi per chilometro.

L’emendamento è stato firmato dal deputato Giuseppe Chiazzese (M5S), elogiato dai portavoce del suo partito alla Camera: “Siamo soddisfatti per l’approvazione di tre emendamenti che vanno nella direzione di migliorare norme che hanno avuto successo nell’ultimo anno. In merito all’ecobonus, infatti, stabiliamo che le risorse destinate agli incentivi, ma non spese nell’anno corrente, siano assicurate per l’anno successivo. Inoltre, tutte le somme recuperate dal maggior costo delle auto più inquinanti, verrà utilizzato per incentivare l’acquisto di auto ibride ed elettriche, cioè consentiamo di usare completamente la leva fiscale, la differenza tra malus e bonus, solo al fine di incentivare investimenti ecosostenibili. Infine, intervenendo sulle soglie per accedere ai bonus, imponendo un limite più basso di emissioni, orientiamo il mercato, quindi sia i produttori che i consumatori, verso l’acquisto di autovetture con impatto minore sull’ambiente. Siamo fieri di continuare a lavorare e ottenere risultanti importanti per ridare fiato alle nostre città e favorire la riconversione ecologica del parco di veicoli circolanti nel nostro Paese”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rc Auto familiare, con la nuova norma più vantaggi ma a conoscerli sono ancora in pochi

next
Articolo Successivo

Tesla, in Germania gli ambientalisti fermano i lavori per la nuova Gigafactory di Elon Musk

next