Trenta miliardi di dollari per avere eBay. Interncontinental Exchange – a cui fa capo New York Stock Exchange, cioè la borsa della Grande Mela – è tornata a farsi avanti e presentato un’offerta di acquisto che potrebbe valutare il colosso delle vendite online 30 miliardi di dollari. L’indiscrezione mette le ali a eBay che a Wall Street arriva a guadagnare quasi il 10%. Secondo indiscrezioni riportate dal Wall Street Journal, Ice sarebbe interessato alle attività core di eBay, intravedendo la possibilità di usare la sua esperienza per i collegamenti fra acquirenti e venditori sulla piattaforma che vende di tutto, dai prodotti elettronici a quelli da collezione. Ice non sarebbe invece interessato alla divisione Ebay Classified Group, di cui il big delle vendite online sta valutando la vendita.

EBay ha infatti annunciato lo scorso anno una revisione strategica del proprio portafoglio, che include EBay Classified Group. Una revisione per evitare una ‘battaglia interna” con gli azionisti Elliott Managment e Starboard Value che premono per una divisione della società. EBay è da tempo sotto pressione per le difficoltà a competere con giganti quali Amazon e Etsy e l’offerta del Nyse apre nuovi possibili scenari per la società che, partita all’avanguardia nell’online, è poi rimasta indietro. La mossa dell’Ice non convince la Borsa, dove Intercontinental Exchange perde il 4,15%. Non sarebbe la prima volta – mette in evidenza il Wall Street Journal – che Ice avvia contatti con eBay: lo ha fatto in passato ed è tornata a farlo ora. Le due società non sarebbero però al momento in trattative formali e non è chiaro se eBay accetterà o meno un accordo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Airbnb, appello di docenti, urbanisti e politici locali: “Serve legge sugli affitti brevi, le città non diventino parchi a tema per turisti”

next
Articolo Successivo

Ilva, Conte vede Mittal a Londra: “Nuova linfa al negoziato”. Morselli ai sindacati: “Assoluta volontà di rimanere”. Scoglio sono gli esuberi

next